Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Enzo D'Anna senatore certo, se De Magistris non prende l'8%. Tutti gli eletti in questo caso


      Terza ed ultima simulazione relativa ai prossimi senatori campani. Grande Sud se la gioca solo se arriva ad almeno 120mila voti. DOMANI L’ULTIMA SIMULAZIONE CON LA RIPARTIZIONE DEI SEGGI A UN CENTRO SINISTRA EVENTUALMENTE PERDENTE CASERTA - Avevamo promesso un terzo segmento della nostra simulazione relativa agli eletti al Senato nella circoscrizione della Campania. […]

     

    Nelle foto, da sinistra, Enzo D’Anna e Salvatore Ronghi

    Terza ed ultima simulazione relativa ai prossimi senatori campani. Grande Sud se la gioca solo se arriva ad almeno 120mila voti. DOMANI L’ULTIMA SIMULAZIONE CON LA RIPARTIZIONE DEI SEGGI A UN CENTRO SINISTRA EVENTUALMENTE PERDENTE

    CASERTA - Avevamo promesso un terzo segmento della nostra simulazione relativa agli eletti al Senato nella circoscrizione della Campania. Un approfondimento ulteriore che è doveroso, in quanto la lista Rivoluzione Civile di Ingroia e De Magistris viene data, da alcuni istituti di sondaggi al di sopra della soglia dell’8%, da altri al di sotto.

    Stamattina abbiamo pubblicato la simulazione con Rivoluzione Civile al 9% e dunque abilitata a partecipare alla ripartizione proporzionale dei seggi. Stasera, invece, formuliamo la seconda ipotesi.

    Se Rivoluzione Civile, unica lista di una coalizione monopartito sta al di sotto dell’8%, conquista 0 seggi. E dunque, tutto il discorso dei 13 posti da Senatore assegnati alle liste perdenti va riformulato.

    Confermato il primo seggio al Pdl e il secondo seggio dei 13 alla lista Monti. Nessuna novità anche sul terzo seggio, che va a Grillo e neppure sul quarto che va ancora al Pdl.

    Novità sul quinto seggio: nella precedente simulazione l’avevamo attribuito ad Ingroia e De Magistris. Questa volta il quinto seggio va al Pdl. Il sesto seggio se lo prende ancora Monti e il settimo Grillo. L’ottavo è ancora ad appannaggio del Pdl, mentre il nono se lo aggiudica Fratelli d’Italia, che secondo il sondaggio di termometro politico.it si attesta in Campania attorno al 4,5%. Decimo seggio ancora al Pdl, mentre l’undicesimo lo prende Monti, il dodicesimo Grillo e il tredicesimo ed ultimo ancora il Pdl.

    In poche parole quell’ultimo seggio conteso, nella valutazione che segnalava Ingroia e De Magistris al 9% non è più conteso, ma i tre competitori e cioè Monti, Grillo e il Pdl si aggiudicano gli ultimi 3 seggi uno a testa.

    Mo’ direte: ci avete promesso anche un passaggio su Grande Sud e che c’entra Grande Sud con questi calcoli, c’entra e come. Il sondaggio di termometro politico.it, dava a tutte le altre liste del Centro Destra, citando Grande Sud, Samorì, Intesa Popolare, un 3%. Ipotizziamo che questo 3 % lo prenda da solo Grande Sud.

    Con i voti validi al Senato del 2008, il 3% sarebbero 90.521 voti, che sono ben 19mila in meno rispetto ai 109.501 voti, rappresentativi dell’ultimo quoziente che è il tredicesimo attribuito al Pdl.

    In poche parole, Grande Sud, con Ingroia e De Magistris sotto all’8%, deve arrivare ad almeno il 4%. Se prende un voto in più di Fratelli D’Italia è giù una buona cosa per il partito di Micciché, ma sui 120mila voti se la va a giocare con gli ultimi quozienti buoni di Monti, Grillo, e anche Pdl. E a giocarsela è il suo capolista al senato Salvatore Ronghi

    Tirando le somme, ed escludendo per il momento Grande Sud, questi gli eletti: buone notizie per Enzo D’Anna, dato che il Pdl, passa dai 5 eletti con Ingroia, ai 6 senza Ingroia: Berlusconi, Nitto Palma, Alessandra Mussolini, Giuseppe Esposito, Cosimo Sibilia e Luigi Compagna. Sulla carta Berlusconi dovrebbe essere riconoscente nei confronti di Enzo D’Anna che si prestò alla costituzione del gruppo di Politica e Territorio, fondamentale per tenere in vita il governo del Cavaliere per un altro anno, dopo l’addio di Fini. Dunque, con Berlusconi che opta per un’altra circoscrizione, Enzo D’Anna è senatore.

    3 seggi andrebbero alla lista Monti: Casini, l’aversano Lucio Romano e Mario Giro. Se Casini opta per un’altra circoscrizione, entra il dentista di Pomigliano d’Arco e ordinario all’università di Bari di chirurgia Maxillo facciale, Nunzio Testa.

    I tre di Grillo sarebbero: Sergio Puglia, Paola Nugnes e Andrea Cioffi.

    Il seggio di Fratelli d’Italia andrebbe a Giseppe Cossiga.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 29 gennaio 2013 ALLE ORE 19:02