Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Emerito alla convention di Zinzi. Ora basta con questa sceneggiata: chiarisca.


      Delle due, l’una. O è stato truffato da quelli del Pdl, oppure ci ha ripensato e lo deve affermare pubblicamente, mettendoci dentro delle argomentazioni.   Caserta- Questa storia di Pasqualino Emerito, sindaco di Cancello ed Arnone, candidato al numero 21 della lista Pdl, la teniamo sotto controllo da qualche giorno. Lui avrebbe firmato un […]

    Nella foto Gianpiero Zinzi, Pasqualino Emerito e Nicola Cosentino

     

    Delle due, l’una. O è stato truffato da quelli del Pdl, oppure ci ha ripensato e lo deve affermare pubblicamente, mettendoci dentro delle argomentazioni.

     

    Caserta- Questa storia di Pasqualino Emerito, sindaco di Cancello ed Arnone, candidato al numero 21 della lista Pdl, la teniamo sotto controllo da qualche giorno. Lui avrebbe firmato un documento in cui afferma di aver fornito solamente un consenso orale al Pdl per la candidatura e di non aver mai firmato accettazioni ne consegnato documenti.

    Venerdì, Pasqualino Emerito era in prima fila ad un incontro elettorale di Gianpiero Zinzi svoltosi a Santa Maria Capua Vetere del teatro Garibaldi. Siccome Casertace non è la solita cosa alla casertana, alla volemose bene, alla passiamoci su e via discorrendo, Emerito ora deve chiarire. Delle due, l’una, tertium non datur: o è stato imbrogliato da quelli del Pdl che hanno messo il suo nome sulla lista e allora lui deve denunciare questo all’autorità giudiziara, oppure deve dire che lui ha accettato la candidatura nel Pdl, poi ci ha ripensato, ritornando con Zinzi quando Cosentino è caduto in disgrazia, assumendosi la responsabilità politica id quest’atto. La sua confessione dovrebbe essere accompaganta da una pubblica dichiarazione nella quale afferma che, avendoci ripensato, lui, almeno politicamente, ritira la sua candidatura dal Pdl.

    Possibilmente a questa dichiarazione dovrebbe accompagnare una motivazione politica. Se Emerito non fa né l’una né l’altra cosa, allora siamo di fronte ad un soggetto che poco ha da dire e da dare alla politica locale.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 28 gennaio 2013 ALLE ORE 11:57