Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASERTA Rivoluzione della tesoreria: la Banca della Campania favorita per sostituire l’istituto di credito di Torre del Greco


      La questione sarà definita entro questo mese di agosto, dato che ormai il comune di Caserta e la Banca di Credito Popolare di Torre del Greco sono destinate a parlare solamente in Tribunale CASERTA - C’è un clima più disteso attorno ai conti del comune di Caserta. Certo, si potrebbe fare molto meglio nel […]

    Nella foto la Banca della Campania di Corso Giannone

     

    La questione sarà definita entro questo mese di agosto, dato che ormai il comune di Caserta e la Banca di Credito Popolare di Torre del Greco sono destinate a parlare solamente in Tribunale

    CASERTA - C’è un clima più disteso attorno ai conti del comune di Caserta. Certo, si potrebbe fare molto meglio nel risanamento e nella determinazione delle condizioni per importanti investimenti futuri, quelli si in grado di fornire qualche seria soluzione occupazionale. Si campa un po’ alla giornata, i grandi comparti di spesa esprimono cifre che non sono diverse da quelle dell’amministrazione Petteruti, i dirigenti continuano ad intascare tutto compreso quattordici, quindici mila euro al mese, alcuni vigili urbani guadagnano più delle guardie svizzere e a settembre dovrebbe partire anche quest’altro carrozzone voluto dal trio Enzo Ferraro, Piscitelli e Gambardella, l’agenzia per i servizi sociali.

    Ma nonostante questo il buon lavoro fatto sull’asse Spirito-Cioffi, a cui va riconosciuto impegno serio e buona dedizione,  è riuscito a rendere più credibile il comune di Caserta nei confronti delle banche. Due anni fa il comune non poteva avvicinarsi da nessuna parte. Nessuna banca era pronta e disponibile a farle da tesoriera. Oggi, il deragliamento dei rapporti con il tesoriere di Torre del Greco, che troverà la sua soluzione nelle aule di tribunale, come abbiamo scritto nei giorni scorsi, non fa più paura dato che sono almeno due o tre le banche, pronte a svolgere la funzione di tesoreria. Trattative aperte con una banca che oggi sembra essere quella maggiormente in vantaggio per l’assunzione del delicato ruolo: si tratta della Banca della Campania che ha due filiali a Caserta, una in corso a Giannone ed un’altra in via Roma

    PUBBLICATO IL: 6 agosto 2013 ALLE ORE 17:39