Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASERTA / Primo risultato della rottura UDC. Per tirare a campare Del Gaudio vara la maggioranza del “ribaltino”


      Nel documento firmato ieri sera, c’è anche infatti, il nome del consigliere comunale Luigi Bologna, che il popolo sovrano di Caserta ha delegato a fare la minoranza e l’opposizione, e non la maggioranza. In effetti oltre ai 17 risicatissimi voti, compreso il suo, il sindaco potrà contare anche sulla non belligeranza di Pasquale Corvino […]

    Nelle foto, da sinistra, Pio Del Gaudio, Edgardo Ursomando e Luigi Bologna

     

    Nel documento firmato ieri sera, c’è anche infatti, il nome del consigliere comunale Luigi Bologna, che il popolo sovrano di Caserta ha delegato a fare la minoranza e l’opposizione, e non la maggioranza. In effetti oltre ai 17 risicatissimi voti, compreso il suo, il sindaco potrà contare anche sulla non belligeranza di Pasquale Corvino e soprattutto, per i motivi noti, di Edgardo Ursomando. IN CALCIO ALL’ARTICOLO IL TESTO INTEGRALE DEL DOCUMENTO FIRMATO IERI SERA DA 16 CONSIGLIERI COMUNALI

     

    CASERTA – Un risultato, la levata di scudi dell’Udc l’ha già ottenuto. Il sindaco Pio Del Gaudio per dare consistenza numerica alla sua maggioranza ha dovuto già scongelare dal freezer un consigliere comunale che i casertani hanno delegato per svolgere l’attività di opposizione e di controllo democratico e non certo per ricoprire il ruolo di consigliere comunale di maggioranza, per la cui funzione è completamente privo di mandato elettorale di rappresentanza.

    Ci riferiamo al buon Luigi Bologna entrato in Consiglio comunale, a seguito della morte dell’ex sindaco Luigi Falco e che compare nell’elenco dei firmatari del documento politico, con cui, ieri sera, giovedì, l’amministrazione comunale ha voluto dimostrare di poter vivere in maniera autosufficiente  rispetto ai voti dell’Udc. 16 firme, tra cui quella di Bologna.

    Se non è un ribaltone, è quantomeno un ribaltino. Queste cose che rappresentano a nostro avviso il massimo degrado della politica trasformistica e sleale nei confronti del popolo sovrano, le scrivevamo e le rimproveravamo all’amministrazione di centrosinistra di Petteruti. E per quegli articoli ricevevano il pieno plauso degli allora consiglieri di minoranza, compreso quello del sindaco Del Gaudio, che al tempo di Petteruti sedeva nei banchi di opposizione.

    La maggioranza risicatissima che esce dal documento di ieri sera, (il 17esimo voto, il decisivo, sarebbe proprio quello del sindaco Del Gaudio) in realtà è più ampia, dato che né Pasquale Corvino, ma soprattutto, per i motivi noti, anzi notissimi, né Edgardo Ursomando voterebbero mai una mozione di sfiducia.

    Insomma ci si appresta a seguire consigli comunali solo in seconda convocazione e con l’occhio continuamente concentrato sull’aula per capire se c’è o meno una maggioranza per approvare le delibere. Se l’Udc dovesse essere fatto fuori si libererebbero due poltrone su cui potrebbero sedere l’ormai pedante Pasquale Napoletano e un esponente del gruppo Mpa, in modo da rendere, almeno per qualche mese più tranquilla.

    Maggioranza a 17 più 2, maggioranza del ribaltino tendente al ribaltone, buona per tirare a campare.

    Gianluigi Guarino

     

    QUI SOTTO IL COMUNICATO STAMPA DEI CAPIGRUPPO E DEI CONSIGLIERI COMUNALI

     

    I SOTTOSCRITTICAPIGRUPPO E CONSIGLIERI COMUNALI, IN RAPPRESENTANZA DEI PARTITI DELLA COALIZIONE DI GOVERNO DELLA CITTA’ DI CASERTA, INVITANO IL SINDACO DEL GAUDIO A PROSEGUIRE SENZA INDUGI L’ATTIVITA’ DI GOVERNO SULLA BASE DEL MANDATO ELETTORALE RICEVUTO DAGLI ELETTORI NEL MAGGIO 2011.
    QUALSIASI TENTENNAMENTO O O RALLENTAMENTO DELLE ATTIVITA’ PROGRAMMATE ED IN CORSO CONCORREREBBE AD ALIMENTARE QUEL DIFFUSO CLIMA DI ANTIPOLITICA CHE E’ STATO EVIDENZIATO IN MANIERA INEQUIVOCABILE DALLA RECENTISSIMA COMPETIZIONE ELETTORALE, ALLONTANANDO ULTERIORMENTE I CITTADINI DALLA PARTECIPAZIONE ALLA VITA PUBBLICA.LA CITTA’ DI CASERTA, CONSIDERATE LE DIFFICOLTA’ CONTINGENTI NEL CONTESTO ECONOMICO E SOCIALE GLOBALE E LE DIFFICOLTA’ POLITICHE NAZIONALI CHE AD UN MESE E MEZZO DALLE ELEZIONI NON CONSENTONO ANCORA DI AVERE UN GOVERNO DEL PAESE, HA BISOGNO DI UNA GUIDA SICURA, EFFICIENTE E DETERMINATA.

    Roberto Desiderio e gruppo consiliare Pdl

    Massimo Palmiero e gruppo consiliare Mpa
    Franco Santonastaso e gruppo consiliare Caserta Più
    Consigliere indipendente Luigi Bologna
    Consigliere indipendente Saverio Russo
    Pasquale Napoletano, capogruppo Nuovo Psi
    Ferdinando Piscitelli, capogruppo Autonomie per il Sud

    PUBBLICATO IL: 5 aprile 2013 ALLE ORE 11:52