Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Caserta, campagna acquisti di Zinzi. E a Del Gaudio occorrerebbe un padre grosso per non andare nel fosso


    L’ex consigliere comunale del partito di Caldoro ha visto diverse volte Cosentino, ma ora è corteggiato dall’Udc che ha già quasi chiuso, come scritto nei giorni scorsi, l’operazione Zullo. Caserta – Saverio Russo è un consigliere comunale che da mesi e mesi cerca un perché, provando a instaurare una relazione politica che lo convinca di aver […]

    Nella foto Rino Zullo e Salvatore Russo

    L’ex consigliere comunale del partito di Caldoro ha visto diverse volte Cosentino, ma ora è corteggiato dall’Udc che ha già quasi chiuso, come scritto nei giorni scorsi, l’operazione Zullo.

    Caserta – Saverio Russo è un consigliere comunale che da mesi e mesi cerca un perché, provando a instaurare una relazione politica che lo convinca di aver trovato una dimensione funzionale alle sue non minime ambizioni. Ultimamente è stato avvistato dalle parti della casa di Nicola Cosentino, con cui si è incontrato più volte. Non è un mistero che Cosentino, goda quasi sessualmente quando riesce a far suo un uomo che si era iscritto al partito di Caldoro. E Saverio Russo lo era, dato che alle elezioni amministrative comunali del 2011 era stato eletto nel Nuovo Psi.

    Negli ultimi giorni però, si parla anche di un significativo approccio avvenuto tra Russo e Zinzi. Voce tutt’altro che inverosimile, in considerazione dell’attività intensissima che l’Udc sta facendo per agganciare nuovi proseliti e, soprattutto, per agganciarli alle necessità elettorali del suo cnadidato di punta Gianpiero Zinzi.

    Dell’abboccamento tra l’Udc e Rino Zullo, vi abbiamo già parlato nei giorni scorsi, in verità rimanendo significativamente sorpresi, dato che Zullo, qualche debito politico, e non solo, l’aveva pur contratto con Angelo Polverino, per la nota qstione dell’Asl su cui casertace si è molto soffermanta nei mesi scorsi.

    Con Russo e Zullo il gruppo consiliare dell’Udc, al comune di Caserta, toccherebbe le cinque unità.

    Che dite, Del Gaudio si preoccupa? No, non si preoccupa. Da simpatico, giovane, incosciente (Pio, nel senso buono del termine, evita di farci la quarantasettesima querela) lui non se ne cura. Occorrerebbe un padre grosso per non trovarsi dentro al fosso. Ma Polverino sa fare solo i voti, con la politica non ci va molto d’accordo.

    g.g.

    PUBBLICATO IL: 17 gennaio 2013 ALLE ORE 19:12