Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CANCELLO ED ARNONE, Ambrosca ritorna sulla variazione di bilancio: “Perché la giunta è stata convocata poche ore dopo il Consiglio? E se si tratta di mutuo, vorremmo leggere la lista dei debiti da pagare”


      Il capogruppo di minoranza: “Per  una variazione di bilancio così importante magari era opportuno aspettare che l’assessore con la delega competente si liberasse. Se era necessario avrebbero potuto riunirsi anche di notte” CANCELLO ED ARNONE – Il sindaco Emerito rispondendo al commento  fatto da Ambrosca (CLICCA QUI PER LEGGERE) sulla delibera n° 57  ha dimostrato […]

     

    Il capogruppo di minoranza: “Per  una variazione di bilancio così importante magari era opportuno aspettare che l’assessore con la delega competente si liberasse. Se era necessario avrebbero potuto riunirsi anche di notte”

    CANCELLO ED ARNONE – Il sindaco Emerito rispondendo al commento  fatto da Ambrosca (CLICCA QUI PER LEGGERE) sulla delibera n° 57  ha dimostrato di non volersi sottrarre al dibattito amministrativo. E questo, a nostro avviso, è un atteggiamento politico giusto. Rifiutare il dialogo,  arroccarsi in torri d’avorio lontane dalla stampa e dalla dialettica, invece, significa non dare alla popolazione la possibilità di assistere ad una democratica discussione sulla gestione della cosa pubblica.  Fortunatamente questo a Cancello ed Arnone non sta succedendo.

    Evidenziato il clima dialettico dipanatosi, negli ultimi giorni, sul territorio, ritorniamo ad affrontare il merito della questione.  Avevamo invitato,  nella parte conclusiva del precedente articolo (CLICCA QUI PER LEGGERE), la minoranza, qualora l’avesse ritenuto opportuno,  a controbattere, la risposta del sindaco.E Ambrosca ha accettato l’invito chiarendo che secondo il suo punti di vista politico ed amministrativo la replica di Emerito  non era stata esaustiva.

    L’avvocato di Arnone ha notato che in quella risposta il primo cittadino non ha spiegato il perché della convocazione della Giunta poche ore dopo il Consiglio comunale: “ Voglio ancora una volta sottolineare – ha dichiarato Ambrosca –  che gli assessori hanno deliberato una variazione di bilancio di previsione, materia che, normalmente, è di competenza del consesso civico. Ora, visto che solo per motivi d’urgenza una variazione può essere affrontata dalla Giunta e considerata la presenza della dicitura nell’oggetto della delibera 57 : ‘in via d’urgenza ai sensi dell’art  42 comma 4 del D.lgs n-267/200’, vorrei che Emerito spiegasse quali sono queste impellenze”

    Il sindaco aveva precisato che si trattava di un mutuo contratto con la Cassa depositi e prestiti per ripianare i debiti. “In realtà – ha commentato il capogruppo di minoranza, - nel prospetto di bilancio, all’allegato A/1, al titolo 5 c’è scritto ‘anticipazione di tesorerie’ con la cifra al lato  ‘5 milioni di euro’.  Allora, se di mutuo si tratta deve spiegarci perché nella delibera è chiamato , appunto, ‘anticipazione di tesoreria’. Vorremmo fare anche un’altra richiesta al sindaco: ci farebbe piacere leggere l’elenco di tutti i debiti che devono essere ancora pagati. E poi, ripeto ancora, perché questa variazione non è stata fatta nel Consiglio comunale che si era celebrato pochissime ore prima?”

    “Quando amministravo Cancello ed Arnone,  nel ’98 – ha aggiunto Ambrosca – ho fatto anche io un mutuo di 3 miliardi per pagare i debiti. In parte riuscii a saldarli, ma, logicamente, li elencai per farli conoscere. Comunque non accettiamo lezioni, noi le carte ce le studiamo.”

    Il consigliere di opposizione ritorna anche sull’assenza in Giunta della Paolo: “Lavoriamo tutti e ognuno di noi ha i suoi impegni, ma se si doveva fare una variazione di bilancio così importante magari era opportuno aspettare che l’assessore con la delega competente si liberasse. Se era necessario avrebbero potuto riunirsi anche di notte.”

    La materia è evidentemente ostica, tecnica. Ma il popolo, visto che si tratta di un aspetto finanziario riguardante direttamente tutti i cittadini di Cancello ed Arnone è legittimo che assistano ad un confronto del genere. La gente ha il bisogno ed il diritto di capire. Ovviamente se Emerito, oppure l’assessore Paolo,  vorranno ispessire e dare seguito al confronto replicando nuovamente alle analisi di Ambrosca siamo pronti ad ospitare il loro messaggio.

    Giuseppe Tallino

    PUBBLICATO IL: 22 dicembre 2013 ALLE ORE 13:52