Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Arancioni, Lorenzo Diana spera nella candidatura. Giordano probabile capolista dei Moderati di Portas


    Comincia a delinearsi il quadro della coalizione più a sinistra dell’attuale politica italiana, all’indomani dello spappolamento dell’Italia dei Valori. Caserta – Solo il prode e fedelissimo Emilio Iannotta, anima dipietrista, di Piedimonete Matese, è rimasto custode della bandiera di Italia dei valori in questa questa Provincia. La sua nomina a commissario provinciale, operata negli ultimi […]

    Lorenzo Diana e Clementina Ferraiolo

    Comincia a delinearsi il quadro della coalizione più a sinistra dell’attuale politica italiana, all’indomani dello spappolamento dell’Italia dei Valori.

    Caserta – Solo il prode e fedelissimo Emilio Iannotta, anima dipietrista, di Piedimonete Matese, è rimasto custode della bandiera di Italia dei valori in questa questa Provincia. La sua nomina a commissario provinciale, operata negli ultimi giorni della scorsa settimana, rende chiara e definitiva, anche la posizione di Lorenzo Diana, il quale evidentemente, ha scelto di militare nel Movimento Arancione del sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che, alle prossime Elezioni politiche, sarà il perno della federazione di partiti e movimenti in cui troveranno spazio lo stesso Di Pietro, fortissimamente ridimensionato col suo partito, la Federazione della Sinistra, di Ferrero e Rizzo, I Verdi e altri movimenti.

    Dunque, anche Diana padre e figlio, fuori al pari di Eduardo Giordano, il quale, insieme al suo collega consigliere regionale, Marrazzo, è entrato a far parte del movimento dei Moderati di Portas, che starà al Pd come il movimento della Meloni, La Russa e Crosetto starà al Pdl. Supporto elettorale per provare a catturare qualche voto in più da associare alla causa delle rispettive coalizioni.

    A questo punto, gioco-forza, Giordano dovrà, con ogni probabilità, capeggiare la lista dei Moderati nella circoscrizione Campania 2, mentre, e ancor più probabile, che Marrazzo faccia lo stesso nella circoscrizione Campania 1. Per quel che riguarda Lorenzo Diana, è chiaro che, nonostante l’attivismo di Clementina Ferraiolo, anche lei transitata nel Movimento degli Arancioni, sarà lui la prima ipotesi di candidatura di un casertano all’interno di questa lista. Al momento, però, la composizione del mosaico è alquanto complessa, dato che De Magistris esprime una chiara priorità per la elezione a Parlamento di un paio di suoi fedelissimi napoletani che vuole mettere proprio a capo della lista della circoscrizione di Campania 1. Questo comporterebbe una maggiore rappresentazione delle altre aree della federazione “Arancioni e affini” nella circoscrizione Campania 2, dove potrebbe essere inserito anche qualche napoletano, sacrificato agli uomini di De Magistris nella circoscrizione del capoluogo partenopeo. Di Pietro, ha, ad esempio, la necessità di collocare il suo medico personale Antonio Palagiano, nominato, non a caso, commissario regionale insieme a Nello di Nardo, all’indomani della defezione di Formisano.

    Insomma situazione ancora poco chiara ma qualche certezza in più, rispetto a dieci gironi fa, comincia ad intravedersi anche nella galassia della coalizione più a sinistra della prossima competizione elettorale.

    g.g.

    PUBBLICATO IL: 24 dicembre 2012 ALLE ORE 15:51