Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Agg.15.44 – MONDRAGONE, queste le condizioni poste da Cennami a Schiappa: Fuori Conte e Petrella. Sarebbe una maggioranza a 9


    La situazione è in lenta evoluzione. Si sta tentando di trovare una nuova maggioranza. Ora anche Iandico è  a rischio. Ma in compenso il 9 a 8 potrebbe esserci MONDRAGONE – Stamane, mercoledì, abbiamo scritto un primo articolo sulla situazione politica mondragonese che è in lenta evoluzione. Abbiamo appreso che nella sezione del Pdl nessuno sapeva […]

    Nelle foto, da sinistra, Claudio Petrella, Giovanni Schiappa e Achille Cennami

    La situazione è in lenta evoluzione. Si sta tentando di trovare una nuova maggioranza. Ora anche Iandico è  a rischio. Ma in compenso il 9 a 8 potrebbe esserci

    MONDRAGONE – Stamane, mercoledì, abbiamo scritto un primo articolo sulla situazione politica mondragonese che è in lenta evoluzione. Abbiamo appreso che nella sezione del Pdl nessuno sapeva nulla della trattativa politica sull’ingresso in giunta di uomini del Pd. Nel contempo, nelle ultime ore si sta sviluppando un’altra ipotesi: Cennami per chiudere l’accordo con Schiappa avrebbe chiesto non solo la testa del figlio di Ugo Conte, Michele Conte, ma anche quella dell’assessore Claudio Petrella, con conseguente fuoriuscita dalla maggioranza del consigliere Iandico.

    A questo punto cosa accadrebbe?

    Schiappa perderebbe altri due consiglieri, ma ne acquisterebbe 3, sempre che Martucci decida di essere fedele fino in fondo a questa vicenda a Cennami.

    Ecco in sintesi come potrebbe essere la nuova maggioranza e la nuova minoranza, con un 9 a 8 in favore di Schiappa: Daniela Lumia, Verrengia o Pellegrino, in caso di dimissioni del capogruppo, Antonio Pagliaro, Fabio Gallo, Francesco Supino, Achille Cennami, Emilio Martucci o un consigliere del Pd in surroga, nel caso in cui quest’ultimo venga nominato assessore e Pasquale Marquez  (8 consiglieri) più il sindaco, e giungiamo a 9, rappresenterebbero la maggioranza.

    Conte e Iandico, passerebbero di conseguenza all’opposizione con Camillo Federico, Alessandro Pagliaro, Piazza, Napolitano, Mario Fusco e Mascolo.

     

    PUBBLICATO IL: 16 maggio 2013 ALLE ORE 15:48