Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Paolo Romano si butta con la Lega Nord. Il suo fido Stellato cerca candidati per la lista Tremonti


    Questo Pdl non piace al presidente del consiglio regionale che, a questo punto, guarda altrove. Ne ha tutto il diritto per carità, se non per un piccolissimo particolare: lui è presidente del consiglio regionale per volere esclusivo di Nicola Cosentino. Caserta – Paolo Romano si ritiene e si considera un leader politico in grado di […]

    Questo Pdl non piace al presidente del consiglio regionale che, a questo punto, guarda altrove. Ne ha tutto il diritto per carità, se non per un piccolissimo particolare: lui è presidente del consiglio regionale per volere esclusivo di Nicola Cosentino.

    Caserta – Paolo Romano si ritiene e si considera un leader politico in grado di costruire consenso e cointeressenze, con forze politiche di nuovo conio, comunque estranee al Pdl. Insomma, vuole capitalizzare la carica di presidente del consiglio regionale che, per onestà intellettuale, va detto, che ha avuto grazie esclusivamente alla volontà di Nicola Cosentino.

    In questi giorni, Romano, sta utilizzando dei suoi fedelissimi per trovare candidati e voti a sostengo della lista LLL, che sta per Lista Lavoro e Libertà, costruita sulle orme del Movimento fondato dall’ex ministro dell’Economia Giulio Tremonti, non certo un amico di Berlusconi.

    Tremonti, infatti, si è legato a triplo filo alla Lega Nord, al punto che il suo nome campegga nel simbolo della lega, insieme a quello di Bobo Maroni.

    Il lavoro di proselitismo lo sta facendo soprattutto Lorenzo Stellato di Santa Maria capua Vetere, un super fedelissimo di Romano che, quest’ultimo, ha messo anche nel suo esteso staff di collaboratori, dimagrito non poco dal momento in cui è partita l’indagine della guardia di finanza.

    In decine sono stati interpellati da Stellato, il quale non avrebbe nessuna speranza di arruolare persone se non spendesse, come sta facendo il nome di Paolo Romano.

    Chi l’avrebbe detto che Paolo Romano avrebbe avuto un futuro da leghista.

    g.g.

    PUBBLICATO IL: 16 gennaio 2013 ALLE ORE 20:07