Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    140mila euro all’anno lo stipendio che la Regione Campania dà a Raffaele Ambrosca


      La notizia la rivela in esclusiva Marilena Natale sul sito Notix.it Napoli – Può darsi che di strutture di questo tipo ce ne siano anche altre in Italia. Niente di più strano in un paese in cui i rappresentanti delle istituzioni, quando si siedono sulle loro poltrone, fanno prevalere di gran lunga gli interessi loro […]

    Nelle foto, da sinistra, Raffaele Ambrosca e Paolo Romano

     

    La notizia la rivela in esclusiva Marilena Natale sul sito Notix.it

    Napoli – Può darsi che di strutture di questo tipo ce ne siano anche altre in Italia. Niente di più strano in un paese in cui i rappresentanti delle istituzioni, quando si siedono sulle loro poltrone, fanno prevalere di gran lunga gli interessi loro e delle loro clientele rispetto a quelli collettivi.

    Nei giorni scorsi il presidente del Consiglio regionale, Paolo Romano, ha mostrato interessanti segni di resipiscenza, annunciando tagli drastici al proprio ufficio di presidenza. Farebbe bene ad allungare la vista anche in quella strana struttura che si è creato l’anno scorso: un ufficio di gabinetto, che, come indica la parola, è un qualcosa di insito come espressione tecnico-operativa del potere esecutivo, più che del potere legislativo, ammesso e non concesso che i consigli regionali italiani siano organismi di produzione legislativa, in funzione del numero di leggi che i consigli hanno prodotto dalla loro istituzione in poi, avvenuta nel 1970.

    Un ufficio di gabinetto del Consiglio regionale che si sovrappone ad un ufficio di presidenza, appare un espediente per porre altri sprechi della politica al servizio di organismi che non servono praticamente a nulla, che sovrappongono le competenze l’uno con l’altro, o meglio, servono a qualcosa: servono a far guadagnare quattrini ai Campochiaro, ai Giuseppe Esposito,  alle Maria Marino, e, a questo punto per dare il rilievo che merita in relazione alla sua storica influenza su un certo tipo di elettorato, all’ex sindaco di Cancello ed Arnone, Raffaele Ambrosca, che da un anno è stato nominato capo dell’ufficio di gabinetto del presidente del Consiglio regionale, al vertice di una struttura formata da altri 6 funzionari, distaccati da uffici della Regione Campania.

    La novità di oggi ce la fornisce Marilena Natale sul sito Notix.it, che pubblica il contenuto del decreto di questo ufficio di gabinetto, che nemmeno ai tempi di “pagnottella infinita”, targata Antonio Bassolino, avevano osato costituire. Da questo decreto si evince che Raffaele Ambrosca incassa, annualmente, 140mila euro. 

    Tagli presidente Romano, tagli anche perchè tra qualche mese ci sono le elezioni comunali a Cancello ed Arnone e non vorremmo essere costretti a scrivere che il suo ufficio della Regione è diventato una segreteria elettorale. Ma lei, presidente Romano, vedo che negli ultimi tempi ci ascolta. Non potrà che incoglierne bene.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 1 ottobre 2012 ALLE ORE 15:04