Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Esclusiva / Mondragone – Ora il caso del centro diagnostico del genero di Enzo D’Anna rischia di andare sul tavolo della Procura della Repubblica


    L’allusione del parlamentare, relativamente a interessi concorrenti e quasi sicuramente indirizzata al consigliere Pd, Francesco Supino, ha scatenato oggi, lunedì, una dura reazione di tutta l’opposizione. IN CALCE ALL’ARTICOLO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO Mondragone - Mario D’Anna l’altro giorno nella sua lettera di replica ad un nostro articolo sulla polemica relativa alla concessione che […]

    Nelle foto si intravedono, Achille Cennami, Camillo Federico, Francesco Supino e il consigliere Martucci del Pd

    L’allusione del parlamentare, relativamente a interessi concorrenti e quasi sicuramente indirizzata al consigliere Pd, Francesco Supino, ha scatenato oggi, lunedì, una dura reazione di tutta l’opposizione. IN CALCE ALL’ARTICOLO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO

    Mondragone - Mario D’Anna l’altro giorno nella sua lettera di replica ad un nostro articolo sulla polemica relativa alla concessione che il Comune vorrebbe dare al suo futuro genero per un centro diagnostico in località Crocelle, ha fatto riferimento a manovre, in atto nel consiglio comunale e orchestrate da persone che sono titolari di interessi concorrenti.

    Abbiamo domandato un poco in giro e abbiamo maturato la solida convinzione che D’Anna ce l’avesse con Francesco Supino, consigliere comunale di area renziana, dunque Pd, il quale è ecogrago ed è dentro ad un centro di radiologia. La sortita di D’Anna ha trovato riscontro, oggi, lunedì, in una nota, firmata compattamente da tutti i consiglieri comunali di opposizione.

    Da quelli del Pd, ma anche da quelli dell’Udc, e da quello di Italia dei Valori. Un contrattacco a D’Anna che fa presagire ulteriori azioni, in merito alla delibera della discordia. Un caso infuocato che potrebbe arrivare sul tavolo della procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, a cui potrebbero rivolgersi, in un esposto in via di preparazione, alcuni esponenti dell’opposizione, che oggi pomeriggio, lunedì, alle 17, hanno disertato ancora una volta la riniune della prima commissione consiliare, in aperta polemica con l’amministrazione comunale sulla vicenda scheda x1, cioè che è proprio quella relativa alle modifiche del Prg per i seminterrati, consentirebbero al futuro genero di D’Anna di utilizzare uno stabile di località Crocelle per il suo centro diagnostico.

    G.G.

    QUI SOTTO IL TESTO INTEGRALE DELLA NOTA CONGIUNTA DELL’OPPOSIZIONE SUL CASO CENTRO DIAGNOSTICO DELLO GENERO DEL PARLAMENTARE D’ANNA

    Si tratta della delibera della modifica della scheda X-1 del regolamento edilizio, che il Sindaco Schiappa, oggi si capisce perché, vuole che si approvi a tutti i costi.

    La dichiarazione del On. D’Anna, è seguita ad un articolo apparso su CASERTACE.NET, in base al quale, l’imprenditore titolare del Centro in  questione sarebbe il futuro genero del suddetto onorevole, amico e referente politico del Sindaco Schiappa.

    La conoscenza analitica del problema dimostrata dall’On. D’Anna evidenzia palesemente un suo forte interessamento per la risoluzione positiva del trasferimento del Centro radiologico in oggetto e, cosa  molto grave, non risparmia di fare illazioni circa l’esistenza di titolari di interessi concorrenti, all’interno del Consiglio Comunale, che cercherebbero di bloccare un “doveroso” adeguamento dello strumento urbanistico vigente. Afferma, inoltre, che nella stessa zona è stata concessa la medesima autorizzazione a numerose altre abitazioni private.

    Chiediamo all’On. D’Anna, in quanto deputato della Repubblica Italiana, di fare nome e cognome di coloro che, a suo avviso, in quanto titolari di interessi concorrenti, stanno tentando di  bloccare  l’iter procedimentale necessario per autorizzare il trasferimento del Centro radiologico, tanto caro, a lui ed all’amico Sindaco Schiappa e di specificare le abitazioni private che hanno già usufruito di una identica autorizzazione comunale.

    Caro On. Vincenzo D’Anna, come rappresentanti di una parte del Consiglio Comunale, nel pieno rispetto istituzionale che a noi sta tanto a cuore, le chiediamo di fare chiarezza circa le sue dichiarazioni che offendono e cercano di condizionare i lavori dell’intero Consiglio Comunale. Solo così facendo, potrebbe dimostrare il suo reale disinteresse rispetto alla questione e recuperare, sul piano istituzionale, la stima che, al di là degli schieramenti politici, potremmo avere nei suoi confronti, in quanto Parlamentare della Repubblica Italiana.


    Inoltre, ci rivolgiamo all’intero Civico Consesso affinché si affermi il principio della centralità dell’interesse pubblico su quello privato e NON si permetta MAI a NESSUNO di condizionare i lavori dei Consiglieri Comunali per fini personalistici.

    Chiediamo di condividere, concretamente, questo sacrosanto DIRITTO anche agli attuali ONOREVOLI NAZIONALI e REGIONALI, rappresentanti il NOSTRO TERRITORIO, al fine di dimostrare che il proprio impegno è rivolto esclusivamente a sostegno dell’ interesse della Propria Città.


    Gruppo Consiliare PD

    Achille Cennami

    Emilio Martucci

    Francesco Supino

    Gruppo Consiliare UDC

    Camillo Federico

    Alessandro Pagliaro

    Gruppo Consiliare IDV

    Mario Fusco

    PUBBLICATO IL: 5 novembre 2012 ALLE ORE 18:27