Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Il comitato ristretto dei sindaci Asl visita l’ospedale di MADDALONI. E De Angelis ne approfitta per mandare una frecciatina a Filippo Fecondo


    Il sindaco De Angelis, ricordando il precedente sopralluogo presso l’ospedale di Marcianise, avvenuto solo la scorsa settimana, ha sottolineato le sostanziali differenze tra il nosocomio maddalonese, le cui criticità strutturali sono evidenti, e quello marcianisano, struttura invece definita moderna e funzionale

     

    Da sinistra: l'ospedale di Maddaloni e quello di Marcianise

    Da sinistra: l’ospedale di Maddaloni e quello di Marcianise

     

     

    MARCIANISE. Riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota stampa con la quale il sindaco De Angelis, approfittando del sopralluogo effettuato presso il nosocomio maddalonese questa mattina, risponde trasversalmente alla provocazione sul malfunzionamento dell’ospedale di Marcianise, reiteratamente perpetrata dal capogruppo Pd Filippo Fecondo, la cui lettera abbiamo riportato in QUESTO ARTICOLO.

    Staremo a vedere se il botta e risposta tra i due troverà in questa dichiarazione di De Angelis la sua fine.

     

    Nella mattina del 31 marzo, il Comitato ristretto dei Sindaci dell’Asl, insieme al suo presidente, nonché primo cittadino di Capua, Carmine Antropoli, ha effettuato un sopralluogo presso il nosocomio maddalonese.

    Il gruppo, di cui è parte la stessa fascia tricolore marcianisana Antonio De Angelis, ha visitato i singoli reparti ed ha incontrato il personale  operante.

    I convenuti hanno rilevato una serie di criticità essenzialmente strutturali, legate alla fatiscenza del presidio. Nell’occasione, il sindaco De Angelis, ricordando il precedente sopralluogo presso l’ospedale di Marcianise, avvenuto solo la scorsa settimana, ha sottolineato la dicotomia esistente tra le due situazioni. Ha inoltre ribadito la strenua volontà di difendere il nosocomio marcianisano da qualsiasi tentativo di smantellamento, avendo cura di rassicurarsi che in nessun caso siano messi a rischio i servizi assistenziali erogati al cittadino“.

    PUBBLICATO IL: 31 marzo 2014 ALLE ORE 15:59