Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    La Parmalat riduce alla fame i produttori di latte casertani. La dura denuncia di Coldiretti


      La presa di posizione del direttore Gianni Lisi. A fronte di costi di produzione esponenzialmente lievitati, il prezzo alla stalla pagato dall’azienda, da qualche anno rilevata dalla francese Lactalis, è da anni bloccato. Chiusura netta rispetto ad ogni forma di equa indicizzazione dei prezzi stessi Caserta - Comunicato Stampa – La Parmalat sotto il […]

    Nella foto di sinistra, Gianni Lisi

     

    La presa di posizione del direttore Gianni Lisi. A fronte di costi di produzione esponenzialmente lievitati, il prezzo alla stalla pagato dall’azienda, da qualche anno rilevata dalla francese Lactalis, è da anni bloccato. Chiusura netta rispetto ad ogni forma di equa indicizzazione dei prezzi stessi

    Caserta - Comunicato Stampa – La Parmalat sotto il controllo della francese Lactalis sta sottopagando il latte agli allevatori italiani rischiando di far chiudere centinaia di aziende agricole. E’ quanto afferma il Direttore della Coldiretti – Gianni Lisi , commentando la situazione nella provincia di Caserta.” L’intesa singola non garantisce affatto le aziende produttrici occorre ricorrere ad una sorta di accordo interprofessionale altrimenti Parmalat continuerà a fare la propria politica cioè quella di non avviare alcuna trattativa sul prezzo del latte.”
    A questo punto il problema rischia di diventare da finanziario a produttivo con perdite economiche ed occupazionali devastanti per il Made in Italy. “Il prezzo pagato agli allevatori per il latte alla stalla – rincara Lisi- non copre piu’ neanche i costi di produzione che tra mangimi ed energia sono aumentati di quasi il 40 per cento. L’energia elettrica ha subito aumenti di quasi 10 punti percentuali , i carburanti si attestano su un drammatico + 12 mentre i costi dei mangimi in alcuni casi ( vedasi le farine) sono arrivati ad aumenti di quasi 30 punti percentuali. Non è possibile che il prezzo del latte sia più basso di quello dello scorso anno e che i costi non sono più contenibili poiché in continua ascesa, è una vicenda che rischia di diventare esplosiva in un territorio che ha in queste produzioni un carattere economico e distintivo di notevole interesse.
    Occorre ricordare che Parmalat, la parte industriale che opera in regime di quasi monopolio nel casertano, sembra non abbia intenzione di avviare alcuna trattativa sul prezzo dell’”oro bianco”, nonostante le quotazioni dei principali prodotti siano in decisa ripresa. Infatti, la stessa Parmalat ha disatteso quanto promesso nei mesi passati, quando ha operato un taglio sensibile sul prezzo del latte alla stalla promettendo che ad una eventuale ripresa del settore, avrebbe riadeguato il prezzo del latte. Ecco, nonostante i proclami e le buone intenzioni mentre le quotazioni dei prodotti caseari sul mercato internazionale e nazionale sono in netto rialzo la Parmalat non ha erogato nel mese di settembre il “centesimo” che aveva più volte fatto intravedere.

    Un atteggiamento del genere rischia di mettere ancora piu’ in difficolta’ le imprese agricole, alle prese da diverso tempo con gli alti costi della produzione. Eppure, il mercato puo’ diventare piu’ trasparente anche con il ricorso al prezzo indicizzato: un sistema che prevede l’elaborazione della tariffa in base alle quotazioni dei prodotti caseari sul mercato nazionale ed europeo non come sta accadendo adesso che il prezzo si determina in base ai giochi dell’alta finanza mondiale.
    E’ inaccettabile che in questo preciso momento, in cui tutto sembra venire meno, i costi di produzione per gli allevatori subiscano dei consistenti ritocchi verso l’alto a fronte di un prezzo che non è affatto remunerativo e che impone sacrifici non più praticabili.
    Le aziende rimaste nella provincia di caserta, sono quelle sopravvissute alle multe e alla burocrazia e, rappresentano un patrimonio da tutelare poiché sono di fatto dei consistenti pezzi produttivi della nostra economia locale. Sono seriamente preoccupato- ha dichiarato, inoltre , Lisi della Coldiretti – per la piega che potrebbero prendere le proteste dei produttori qualora non si prestasse attenzione alle giuste rivendicazioni di una categoria che non vede riconosciuto il valore della propria produzione. E questo in un momento in cui tra l’altro, tutti si affannano a parlare di produzioni tipiche, km zero e territorio e poi dimenticano e penalizzano i veri protagonisti di questa filiera”.

    La Coldiretti, per queste motivazioni, entrerà in mobilitazione e quanto prima chiederà un incontro con Parmalat perché è indispensabile difendere il meccanismo di fissazione del prezzo che tiene conto anche dei costi di produzione e afferma – attraverso Lisi- che sarebbe un errore tornare a forme di contrattazione ormai obsolete che non tengono conto del reale stato delle cose”.

    E’ assurdo poter pensare – ribadisce Lisi – che i risvolti negativi e drammatici della crisi vengano fatti pagare sempre e solo dalle aziende agricole che in questo momento rappresentano la parte debole della filiera. La crisi del settore e l’eventuale atteggiamento chiuso e negativo di Parmalat rischiano di annullare tutti gli sforzi e gli investimenti fatti dalle imprese per fornire un prodotto di alta qualità che rappresenta il punto di forza della nostra zootecnia, noi, quindi come forza sociale di questo territorio e di tutto il paese, concerteremo per arrivare ad un prezzo e, se non ci saranno sbocchi positivi – conclude Lisi – valuteremo inevitabili e serie iniziative di protesta

    PUBBLICATO IL: 10 ottobre 2012 ALLE ORE 15:12