Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    De Simone, l’uomo dalla miccia lunga, si ricandida alla Camera di Commercio indossando la “camicia bianca” del bonificatore


      Stamattina, venerdì, la conferenza stampa durante la quale, ha ufficializzato la sua intenzione di riproporsi per un altro quinquennio. I primi numeri macro economici: -3% per il Pil, + 5,1% per l’export. IN CALCE ALL’ARTICOLO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO SULLA CONFERENZA STAMPA Caserta - Pensare ad un Tommaso De Simone che parte lancia in […]

    Nella foto, il presidente della Camera di Commercio, Tommaso De Simone

     

    Stamattina, venerdì, la conferenza stampa durante la quale, ha ufficializzato la sua intenzione di riproporsi per un altro quinquennio. I primi numeri macro economici: -3% per il Pil, + 5,1% per l’export. IN CALCE ALL’ARTICOLO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO SULLA CONFERENZA STAMPA

    Caserta - Pensare ad un Tommaso De Simone che parte lancia in resta per denunciare un clima di intimidazione, che effettivamente si respira da mesi dalle parti della Camera di Commercio, pensare che Tommaso De Simone chiuda il sillogismo, mettendo in link l’episodio inquietante del danneggiamento dei proiettori, serviti per la splendida rappresentazione dei “Percorsi di Luce”, significa ignorare quella che è la matrice fondante del suo carattere, alla base dei significativi successi raccolti nella sua ancor giovane carriera.

    Spesso con lui abbiamo modo di parlare di micce. Lui ce l’ha lunga (la miccia), il sottoscritto, invece, ce l’ha corta (sempre la miccia). Dunque, da incassatore con l’anestetico incorporato qual è, anche stavolta De Simone, da un lato minimizza, dando al tono della sua dichiarazione il registro della serenità e anche della minimizzazione; dall’altro utilizza con evidente acume una nota citazione, risalente alla politica degli antichi romani. Alla politica della Roma repubblicana, quella severa, quella sobria, quella dei fatti, quella di un’etica pubblica che aveva un carattere respingente rispetto ad ogni forma di contaminazione, che pur si incuneava spesso negli interstizi istituzionali delle varie magistrature “Stamattina – dichiara De Simone a margine della conferenza stampa di fine anno – ho anche indossato la camicia bianca e ora attendiamo di dare il benvenuto al nuovo anno che speriamo sia nel segno del rilancio economico“. La camicia bianca riteniamo che sia un libero adattamento epocale della proverbiale toga bianca, che indossavano i candidati alle alte magistrature romane, soprattutto pretorili e consolari, per simboleggiare non solo la volontà di profondere un impegno, ma di qualificare il medesimo, attraverso un’azione di bonifica e di pulizia della città da ogni “sporcizia”, come raccontava tra gli storici, soprattutto Plutarco, in riferimento a questa stessa azione emblematica e simbolica compiuta da Cicerone.

    Come diceva Peppino: ho detto tutto! Ma questa volta, tutto sul serio e Totò non può lamentarsi di non aver capito. Insomma, il presidente della Camera di Commercio ha commentato l’episodio di cronaca dell’altro giorno e il clima che si respira attorno alla Camera da par suo: una metafora efficace, agganciata ad una miccia pazientemente lunga. Per quanto riguarda il resto della conferenza stampa, e i numeri degli indicatori macro economici cardinali, Caserta non sfugge al dato congiunturale che, di solito poi, da queste parti viene aggravato da una specifica debolezza del tessuto economico. Qualche segnale positivo si registra sul fronte dell’export, ma si tratta di numeri che possono rappresentare solo un punto di partenza, dato che una variazione percentuale, un rapporto incrementale possono essere significativi, ma possono anche non esserlo, visto che la credibilità di quei dati parte sempre e comunque dalla realtà dei valori e dei numeri assoluti. Ma questa è un’altra storia, che potremo, eventualmente affrontare in un nostro commento o in un nostro focus dentro ad una sorpresina che vi stiamo preparando per i primi giorni dell’anno. E quando Casertace fa le sorpresine, sono sorpresine sul serio.

    Oggi, in relazione ai contenuti della conferenza stampa, pubblichiamo integralmente l’esauriente nota dell’ufficio stampa della Camera di Commercio.

    G.G.

    QUI SOTTO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO STAMPA DELLA CAMERA DI COMMERCIO

    Voucher sull’internazionalizzazione e crescita del numero delle imprese sono questi i due punti su cui si è soffermato il presidente della Camera di Commercio, Tommaso De Simone nel tracciare il bilancio dell’anno 2012 che coincide anche con la fine del suo mandato, ma ha anche annunciato la sua candidatura per il nuovo quinquennio. Il presidente De Simone ha portato all’attenzione dei giornalisti alcuni dati antipando che il rapporto dell’ufficio statistico, ancora riservato, fa segnare una proiezione negativa (-3%) sul valore aggiunto. «Questo dato desta qualche preoccupazione – ha dichiarato Tommaso De Simone – però se messo insieme con la consistenza delle imprese, che è in crescita facendo segnare un totale di 89.962 (novembre 2012) a fronte di 88.544 di gennaio, e con il dato relativo all’export che cresce raggiungendo la percentuale del 5,1 rispetto al dato nazionale che è del 3,1% e a quello della Campania del 2,3%  possiamo dire che qualche segnale di speranza per il 2013 c’è». De Simone oltre a fornire alcuni numeri è partito dalla prima attività messa in campo dalla Camera di Commercio datata 4 gennaio 2012 e si tratta dei voucher sull’internazionalizzazione per segnare un risultato più che positivo perché fino ad oggi «sono circa 500 – ha detto De Simone – che hanno utilizzato questo sistema che funziona visto anche il numero dell’export anche se è bene dirlo la provincia di Caserta sotto quest’aspetto ha un deficit che deve recuperare. Così ho deciso di proporre già a partire dalla prossima seduta della giunta di utilizzare il sistema dei voucher anche per il turismo con un bando per le agenzie turistiche che certifichino i turisti che sono venuti nella nostra provincia visitandola e pernottando». Il presidente De Simone ha inoltre annunciato durante la conferenza stampa di fine anno che è candidato come presidente, e accennando all’iter procedurale che si concluderà nella prossima primavera, ha spiegato: «I colleghi presidenti delle associazioni di categoria mi hanno chiesto di continuare quest’esperienza e per questo vi anticipo che ho sospeso altre richieste di impegno che mi erano giunte. Consentitemi però oggi di fare anche un ringraziamento a voi che attraverso il vostro lavoro avete consentito alla Camera di Commercio di Caserta di avere un’immagine in controtendenza (senza ricordare tutte le iniziative messe in campo che vanno dal Vinitaly al protocollo d’intesa con la Procura che consentirà a quest’ultima un accesso veloce e diretto alla banca dati della Cciaa) raccontare le iniziative vere di questo territorio, una realtà che produce tipicità ed eccellenze e che lavora». Il mandato del presidente uscente ha fatto segnare anche due primati alla Camera di Commercio di Caserta e si tratta della presidenza di Unioncamere (mandato terminato qualche giorno fa) e membro dell’esecutivo nazionale di Unioncamere.


    Caserta, 28/12/2012


    Portavoce Presidente

    PUBBLICATO IL: 28 dicembre 2012 ALLE ORE 19:50