Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CANCELLO ED ARNONE. Tracciabilità del latte, Emerito mette a disposzione degli allevatori la sede di via Consolazio


    La piattaforma, ideata dall'assessorato regionale all'agricoltura, consente agli allevatori l’inserimento dei dati relativi alle produzione quantitative giornalieri di latte e alla sua destinazione

    Nella foto Bovenzi, Nugnes, Picariello e Letizia

    Nella foto Bovenzi, Nugnes, Picariello e Letizia

     

    CANCELLO ED ARNONE – Nei periodi di magra, nelle fasi di difficoltà, per riprendersi, per ridonare slancio all’economia occorre valorizzare l’unicità del proprio territorio e di quello che produce. A volte, però, bisogna fare anche uno sforzo ulteriore: oltre al potenziamento, infatti,  è necessario difendere la singolarità del luogo e dei suoi derivati, perché nel progresso generale non è difficile assistere all’oscuramento, generato da controfigure,  delle specificità

    Un discorso del genere nel Basso Volturno si incentra, fisiologicamente, sul latte di bufale.  In diverse occasioni abbiamo evidenziato come, in questi anni, poco si è fatto per tutelare tale risorsa e la sua eccezionalità. Oggi, però, fortunatamente, assistiamo alla messa in atto di un progetto che si propone proprio di ottimizzare l’oro bianco della provincia casertana. Ideatrice di questo sistema, cioè dell’impianto volontario di tracciabilità del latte, è l’assessore regionale Daniele Nugnes.

     “Siamo convinti,  – è scritto dall’assessore nella nota di presentazione del piano, – che la filiera bufalina in Campania, nel suo complesso, è sana e coglierà da subito vantaggi e benefici che si potranno avere, sia per gli allevatori che per i trasformatori, perché sarà possibile dimostrare in ogni momento l’uso esclusivo di latte idoneo per la mozzarella Dop e per gli altri derivati di bufala […] La piattaforma – prosegue il documento – consente agli allevatori l’inserimento dei dati relativi alle produzione quantitative giornalieri di latte e alla sua destinazione, ai trasportatori l’inserimento dei dati relativi al latte movimentato e ai caseifici l’inserimento dei dati relativi al latte in entrata e ai derivati prodotti (quantitativi e tipologia)”.

    Il passo successivo (essenziale), ora,  è radicare questo sistema nei singoli paesi. A Cancello ed Arnone, grazie a Picariello, componente della segreteria della Nugnes, che ha fatto da collante tra assessorato e comune, grazie ai consiglieri Bovenzi e Paolella e all’assessore Letizia, l’amministrazione ha già concesso una struttura comunale che ospiterà la piattaforma per la tracciabilità del latte. La squadra di Emerito ha individuato come sede di questo progetto la costruzione di via Consolazio che ospita anche la Pro Loco.

    “ Questa sede – ha spiegato Picariello – potrà fungere anche da punto di incontro per gli allevatori del territorio”

    Giuseppe Tallino

    PUBBLICATO IL: 1 marzo 2014 ALLE ORE 10:01