Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA CASERTA La sovrintendente David andrà via (era ora!) entro l’estate. Reggia si lavora per una sovrintendenza speciale


        Stamattina, martedì, il tavolo delle istituzioni al cospetto del ministro Bray. Sarà replicato la settimana prossima. Il commento della Petrenga che l’ha propiziato: “Questo ministro va ringraziato sul serio per la concretezza e per la consistenza dimostrata nell’affrontare il problema”. In calce all’articolo il comunicato stampa del sindaco Del Gaudio CASERTA - Una […]

     

    Nella foto Bray, David e De Negri

     

    Stamattina, martedì, il tavolo delle istituzioni al cospetto del ministro Bray. Sarà replicato la settimana prossima. Il commento della Petrenga che l’ha propiziato: “Questo ministro va ringraziato sul serio per la concretezza e per la consistenza dimostrata nell’affrontare il problema”. In calce all’articolo il comunicato stampa del sindaco Del Gaudio

    CASERTA - Una riunione durata più di un ora, durante la quale il ministro ai beni culturali Bray ha incontrato i rappresentanti delle istituzioni regionali e locali per discutere della situazione relativa alla Reggia di Caserta.

    Erano presenti Paolo Romano, in rappresentanza del governatore Caldoro che ha dato buca al ministro piuttosto improvvidamente. Oltre a Romano, per la Regione, c’era l’assessore alla cultura e al turismo Sommese, che ha ereditato queste deleghe dal dimissionario e neo parlamentare Giuseppe De Mita. C’erano poi i rappresentanti dell’ufficio del Demanio, del Genio civile, dell’Aeronautica che occupa ancora un’ala del monumento.C’era il sindaco di Caserta Pio Del Gaudio, che pure lui improvvidamente non si è fatto accompagnare dall’assessore alla cultura Maria Felicita De Nigri. Il tavolo era completato dal sovrintendente regionale Angelini e dalla sovrintendente di Caserta e Benevento David, la quale, da quello che si è capito durante la riunione e da quello che, da qualche giorno, è sulla bocca di tutti, sarà (finalmente!) rimossa dal suo incarico massimo entro fine luglio. Un atto dovuto da parte del ministro, che si è potuto rendere conto delle condizioni della Reggia arrivando in incognito due domenica fa e visitandola in bicicletta.

    Bray non ha parlato di ricette miracolose, di interventi immediati, ma di una progressione che abbia tempi certi nell’approdo all’obbiettivo di una concreta rivitalizzazione, ristrutturazione, riorganizzazione del massimo monumento Vanvitelliano. Dell’obbiettivo non si è parlato esplicitamente, ma noi siamo in grado di affermare con sufficienti certezze si va verso la nascita di una sovrintendenza speciale. Il che significa più risorse ma sopratutto un rapporto diretto con il ministero dei Beni culturali senza passare per il filtro regionale.

    Soddisfatta la deputata ed ex sovrintendente Giovanna Petrenga che ha propiziato questa riunione alla quale però non ha potuto partecipare in quanto impegnata nei lavori parlamentari.

    “Ringrazio di cuore il ministro Bray – dichiara la Petrenga a Casertace – che ha immediatamente dimostrato la volontà di affrontare concretamente, con spirito fattivo l’annoso problema della Reggia di Caserta. Mi sembra che esistano tutte le premesse perché le istituzioni a partire dal governo, proseguendo col Parlamento, fino alla Regione, alla Provincia e al comune di Caserta possano approdare al più presto a una sintesi che consenta al ministero di procedere verso un vero riscatto del nostro stupendo monumento”

    G.G.

    QUI SOTTO IL COMUNICATO STAMPA DEL SINDACO
    “Sono molto soddisfatto dell’incontro odierno. Mi sono trovato di fronte a un ministro pratico, pragmatico e competente, che ha parlato a chiare lettere di assicurare alla Reggia una gestione manageriale, impegni chiari e tempi certi per il cui svolgimento dovranno concorrere tutte le istituzioni interessate”. Lo dichiara il sindaco di Caserta, Pio Del Gaudio.”E’ stata rilanciata l’idea, da noi sempre sostenuta, di una soprintendenza speciale, di un nuovo management per la Reggia, moderno e operativo e del necessario coordinamento istituzionale che mi auguro possa essere guidato dalla Regione Campania, come proposto dall’assessore Sommese e dal presidente del Consiglio regionale, Romano – spiega il sindaco -. In definitiva, è stata affermata la necessità di una migliore forma di gestione della governance complessiva del nostro Palazzo Reale”.
    “Il ministro Bray – afferma il sindaco – ci ha chiesto di relazionare in tempi rapidi, entro 10 giorni, sulla situazione. Sono certo che stiamo andando finalmente nella direzione giusta. In proposito, ritengo che quanto da fare non possa non considerare la condivisione con il ministero circa un intervento immediato sulla questione della proprietà di tutte le aree esterne, compresa quella della piazza che, come abbiamo già chiarito, non è ancora definita. Al riguardo l’Agenzia del Demanio ha assunto impegni per una stringente collaborazione utile a definire in tempi rapidi la vicenda del parcheggio Carlo III”.
    “Durante l’incontro – prosegue il sindaco –  ho ribadito tutte le richieste già formulate a nome del Tavolo Città (la disponibilità dei locali per un posto interforze di polizia, i bus interni, la riapertura dei Giardini della Flora, l’uscita per i turisti da via Giannone, il parere positivo ad una idonea allocazione dei chioschi all’esterno della Reggia per combattere l’abusivismo, l’individuazione di locali per istituire nella Reggia un ufficio di promozione, comunicazione e marketing), la richiesta di apertura del cancello del Parco Reale a Ercole sollecitatami da tanti cittadini e anche dal sindaco di Casagiove, Russo, che mi ha accompagnato, nonché la richiesta di aprire i collegamenti tra Reggia e Belvedere”.
    “Ho ribadito – conclude il sindaco – l’utilità della presenza dell’Aeronautica nel nostro Palazzo Reale. La sua realtà è elemento di ricchezza per la Città e per la Reggia, in considerazione delle attività di sicurezza, tutela e cura che i militari assicurano da anni al monumento,  ferma restando l’utilizzazione degli spazi a cui sono destinati. In proposito, mi auguro che la Scuola Specialisti acquisisca sempre più presenze e prestigio, nell’interesse comune della valorizzazione della Reggia e di Caserta”.

    PUBBLICATO IL: 11 giugno 2013 ALLE ORE 15:35