Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    La giovane promessa dell’ingegneria aerospaziale di Castel Volturno, Noviello, scelta alla mostra Futuro Remoto per mostrare i lavori con i materiali compositi


        Maria Chiara Noviello alla corte di Guidoni e Bignami, mostra il proprio talento mediante un proprio stand espositivo alla città della Scienza.  Castel Volturno – Maria Chiara Noviello è una giovane studentessa di Ingegneria Aerospaziale di Castel Volturno, la quale seguendo un corso di tecnologie speciali e incuriosita dai materiali compositi, è stata […]

     

    Nella foto, Maria Chiara Noviello

     

    Maria Chiara Noviello alla corte di Guidoni e Bignami, mostra il proprio talento mediante un proprio stand espositivo alla città della Scienza. 

    Castel Volturno – Maria Chiara Noviello è una giovane studentessa di Ingegneria Aerospaziale di Castel Volturno, la quale seguendo un corso di tecnologie speciali e incuriosita dai materiali compositi, è stata scelta, dopo uno scambio di lettere e osservazioni intrattenuto col professore di corso, per entrare a far parte del progetto – lavoro, presso la città della scienza di Napoli.
    La giovanissima Maria Chiara Noviello, infatti sta presenziando con un proprio stand espositivo alla manifestazione ” Futuro Remoto”. Quest’anno tale kermesse, si è tenuta in concomitanza con lo IAC (international astronautic congress) a Napoli.

    Alla giovane volturnense, sicuramente promessa dell’ingegneria aerospaziale, è stata assegnata, come dicevamo, un’area espositiva in cui sta mostrando ai visitatori, i lavori, da lei realizzati in laboratorio, che a loro volta saranno oggetto della sua tesi di laurea.

    Maria Chiara Noviello è già stata contatta anche dalla Rai, per esplicitare un intervento su quanto sopra descritto descritto. E’ andata già e ben 4 volte in onda. La manifestazione Futuro Remoto ha aperto i suoi battenti il giorno 4 ottobre e per un mese, Maria Chiara Noviello sarà lì, non solo a rappresentare il proprio talento e le proprie capacità ingegneristiche, ma per relazionare sui materiali compositi, che sono di largo impiego nella quotidianità, a partire da oggetti come biciclette, orologi, barche fino agli aerei e velivoli spaziali.
    Gli stessi sono formati da una matrice e da un rinforzo, che possono essere fibrosi o particellare, ed hanno straordinarie proprietà meccaniche , in termini di resistenza a trazione e agli impatti. Sono leggeri e performanti , e anche se richiedono processi di lavorazione costosi (si pensi all’altoforno) , consentono di risparmiare in termini di costi di manutenzione.
    La giovane promessa del comparto ingegneristico aerospaziale di Castel Volturno, sta già vivendo da protagonista, questa occasione professionale, mediante la quale ha conosciuto personaggi noti del settore scientifico-spaciale, quali, appunto: Bignami e Guidoni.
    Massimiliano Ive

    PUBBLICATO IL: 8 ottobre 2012 ALLE ORE 15:27