Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    VILLA DI BRIANO / Nascondeva in casa un ras dei Casalesi. Blitz dei carabinieri: arrestato “o sorbettaro” e il complice


    L’operazione eseguita dai carabinieri della Compagnia di Casal di Principe. Conte comparso ieri mattina, martedì, davanti al giudice monocratico di Aversa, è stato rimesso in libertà e sarà processato il prossimo 24 aprile con rito abbreviato VILLA DI BRIANO – In via Bramante 4, al termine di un intensa attività info-investigativa di ricerca, i Carabinieri […]

    Nella foto, Domenico Maiello alias o sorbettaro

    L’operazione eseguita dai carabinieri della Compagnia di Casal di Principe. Conte comparso ieri mattina, martedì, davanti al giudice monocratico di Aversa, è stato rimesso in libertà e sarà processato il prossimo 24 aprile con rito abbreviato

    VILLA DI BRIANO – In via Bramante 4, al termine di un intensa attività info-investigativa di ricerca, i Carabinieri dell’aliquota operativa della Compagnia di Casal di Principe hanno arrestato, ieri, martedì, Domenico Maiello, alias “o sorbettaro”, 37enne sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno nel comune di Casal di Principe , affiliato al clan dei casalesi – fazione Schiavone, irreperibile dal 30.01.2013.

    L’uomo è stato bloccato in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal tribunale di Santa Maria Capua Vetere per “violazione delle prescrizioni imposte dalla sorveglianza speciale”. Nell’ambito del medesimo servizio è stato altresì arrestato, in flagranza di reato, per “favoreggiamento personale” Vincenzo Conte, di 41 anni, poiché favoriva l’irreperibilità di Maiello, ospitandolo presso la propria abitazione. Nella circostanza alla vista dei Carabinieri Maiello ha tentato una rocambolesca fuga arrampicandosi sui tetti dell’abitazione che lo ospitava ma appena resosi conto della stretta cinturazione a tutto lo stabile realizzata dai numerosi Carabinieri intervenuti,  è ritornato sui suoi passi e si è consegnato ai militari. Lo stesso è stato tradotto presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, mentre il Conte verrà trattenuto presso le camere di sicurezza della Compagnia di Casal di Principe in attesa del rito direttissimo.

    Conte è stato già processato ieri mattina, con rito direttissimo dinanzi al giudice monocratico del tribunale di Aversa, dott.ssa Cesare. Conte è stato difeso dall’avvocato Paolo Cacciapuoti, il quale ha chiesto ed ottenuto che il suo assistito venisse rimesso in libertà. Ed in effetti, da ieri pomeriggio Conte è a piede libero. Il processo per lui si terrà il prossimo 24 Aprile sempre davanti al giudice monocratico.

    La difesa ha chiesto di definire il processo con rito abbreviato, condizionato all’escussione del ras Maiello.

    PUBBLICATO IL: 20 marzo 2013 ALLE ORE 12:24