Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Vaccino sospetto alle bufale da latte: dissequestrati 3 allevamenti. ECCO I NOMI


      I sigilli furono apposti a delle aziende agricole di CASTEL VOLTURNO, GRAZZANISE e CARINOLA  durante un’operazione di controllo a margine di un’inchiesta condotta dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere negli allevamenti del casertano.    di Massimiliano Ive CASTEL VOLTURNO – GRAZZANISE – CARINOLA – Torniamo a scrivere della vicenda del sequestro di alcuni allevamenti […]

     

    I sigilli furono apposti a delle aziende agricole di CASTEL VOLTURNO, GRAZZANISE e CARINOLA  durante un’operazione di controllo a margine di un’inchiesta condotta dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere negli allevamenti del casertano. 

     

    di Massimiliano Ive

    CASTEL VOLTURNO – GRAZZANISE – CARINOLA – Torniamo a scrivere della vicenda del sequestro di alcuni allevamenti bufalini eseguiti nelle città di Carinola, Castel Volturno, Grazzanise, a seguito delle indagini, che sono tutt’ora in corso da parte degli inquirenti,  riguardo il presunto uso del vaccino di origine americana rb51, utilizzato in via sperimentale per la radicazione della Brucellosi, in quanto vi sarebbero dei risvolti positivi per gli allevatori dal punto di vista giudiziario.

    Mediante un’istanza presentata al Pm, la dott.ssa Capasso, dall’avvocato Nando Letizia, gli allevatori A.N. di Castel Volturno, proprietario di due aziende agricole nella città del Basso Volturno e a Carinola, nonchè V.P. di Grazzanise, hanno ottenuto nel pomeriggio del 15 ottobre il dissequestro dei propri allevamenti.

    In effetti, nell’operazione Bufale Sicure compiuta sia nel corso dello scorso mese di maggio, sia lo scorso 6 agosto, oltre 1000 capi di bestiame della provincia di Caserta vennero sottoposti a sequestro. Il Corpo Forestale dello Stato, da tempo, infatti ha avviato, coadiuvato dalla Procura della Repubblica sammaritana, un’inchiesta sull’uso illecito ed improprio,  in animali adulti, del vaccino RB51 per eludere i controlli sulla radicazione del batterio della brucella che colpisce bufale e ovini, quando per legge la Comunità Europea stabilisce la vaccinazione degli esemplari in età compresa tra i 6 e 9 mesi di vita.

    Tornando alla vicenda giudiziaria degli allevatori del Basso Volturno, sono state disposte quindi su istanza della difesa, delle nuove analisi che hanno avuto esito negativo.

    Al riguardo è stata disposta sempre dal Pm un’ulteriore analisi sempre sui capi di bestiame sequestrati, al fine di consentire alla Procura della Repubblica di decidere se revocare o meno, appunto, il sequestro  degli animali.

     

    PUBBLICATO IL: 17 ottobre 2013 ALLE ORE 18:48