Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    TEST DI INGRESSO A MEDICINA, il Tar riammette un casertano escluso. Graduatoria sospesa, salta tutto?


    Il giovane è difeso dall’avvocato Renato Labriola. In calce alla nostra breve premessa la sentenza del Tribunale amministrativo del Lazio CASERTA - Il Tar Lazio ha deciso di accogliere la richiesta di sospensiva della graduatoria, ufficializzata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca lo scorso 30 settembre, e di ammettere, con riserva, Luigi Razzano, studente […]

    Il giovane è difeso dall’avvocato Renato Labriola. In calce alla nostra breve premessa la sentenza del Tribunale amministrativo del Lazio

    CASERTA - Il Tar Lazio ha deciso di accogliere la richiesta di sospensiva della graduatoria, ufficializzata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca lo scorso 30 settembre, e di ammettere, con riserva, Luigi Razzano, studente casertano alla Facoltà di Medicina.

    Il giovane, escluso dalla graduatoria dell’università di Tor Vergata di Roma dopo gli ultimi test d’ingresso, difeso dall’avvocato di Renato Labriola, ha contestato lo scorporo dei punti di bonus che prima di affrontare la prova d’ingresso pensava di avere e poi, invece, a seguito del decreto legge, non ha avuto più.

    La decisione del merito sarà affrontata nella pubblica udienza del 5 giugno 2014.

    N. 04575/2013 REG.PROV.CAU.

    N. 09352/2013 REG.RIC.           

    REPUBBLICA ITALIANA

    Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio

    (Sezione Terza Bis)

    ha pronunciato la presente

    ORDINANZA

    sul ricorso numero di registro generale 9352 del 2013, proposto da:

     

    Luigi Razzano, rappresentato e difeso dall’avv. Renato Labriola, con domicilio eletto presso Renato Labriola in Roma, viale Gorizia, 25/C;

     

    contro

    Ministero dell’Istruzione dell’Universita’ e della Ricerca, Universita’ degli Studi Tor Vergata di Roma, rappresentati e difesi per legge dall’Avvocatura, domiciliata in Roma, via dei Portoghesi, 12;

    nei confronti di

    Lucia Mastrangelo;

    per l’annullamento

    previa sospensione dell’efficacia,

    graduatoria pubblicata sul sito del miur in data 30.09.2013 relativa alla prova di ammissione ai corsi di laurea magistrale in medicina e chirurgia, odontoiatria e protesi dentaria.

    Visti il ricorso e i relativi allegati;

    Visti gli atti di costituzione in giudizio di Ministero dell’Istruzione dell’Universita’ e della Ricerca e di Universita’ degli Studi Tor Vergata di Roma;

    Vista la domanda di sospensione dell’esecuzione del provvedimento impugnato, presentata in via incidentale dalla parte ricorrente;

    Visto l’art. 55 cod. proc. amm.;

    Visti tutti gli atti della causa;

    Ritenuta la propria giurisdizione e competenza;

    Relatore nella camera di consiglio del giorno 21 novembre 2013 la dott.ssa Ines Simona Immacolata Pisano e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

    Rilevato che, in epoca successiva alla proposizione del gravame, è entrata in vigore la legge 8 novembre 2013, n. 128, recante conversione, con modificazioni, del decreto legge 12 settembre 2013, n. 104;

    Rilevato, in particolare, che all’art. 20 del predetto decreto legge sono stati introdotti i commi 1-bis, 1-ter, 1-quater e 1-quinquies, aventi diretta ricaduta sulla controversia in esame, giacché attribuiscono, per quanto qui rileva, il diritto, subordinato a determinate condizioni, ai partecipanti agli esami di ammissione ai corsi universitari di medicina e chirurgia, odontoiatria e medicina veterinaria che avrebbero potuto rivendicare il punteggio relativo alla valutazione del percorso scolastico ai sensi dell’art. 10, comma 3, lett. b) del D.M. 12 giugno 2013 all’iscrizione ai predetti corsi universitari in sovrannumero;

    Ritenuto che sussistono le condizioni per l’accoglimento della proposta istanza cautelare, osservando le seguenti scansioni temporali:

    1. immatricolazione con riserva del ricorrente alla facoltà universitaria per cui è causa, ammettendolo con immediatezza alla frequenza delle lezioni nella prima delle sedi universitarie prescelte;

    2. predisposizione, da parte delle Università, delle graduatorie secondo i criteri stabiliti dall’art. 20, commi 1 bis e ss., del DL n.104/2013, come introdotti dalla legge di conversione n.128 del 2013;

    3. scioglimento in senso positivo o negativo della riserva dell’immatricolazione, eventualmente indicandosi, da parte del Ministero, la sede universitaria, tra quelle prescelte dalla ricorrente, nella quale questi figuri in posizione utile, consentendo ovviamente il trasferimento presso detta ultima sede;

    P.Q.M.

    Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Bis)

    Accoglie l’istanza di misura cautelare, nei termini indicati in motivazione;

    compensa le spese della presente fase;

    fissa per la decisione del merito la pubblica udienza del 5 giugno 2014.

    La presente ordinanza sarà eseguita dall’Amministrazione ed è depositata presso la segreteria del tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti.

    Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 21 novembre 2013 con l’intervento dei magistrati:

    Massimo Luciano Calveri, Presidente

    Pierina Biancofiore, Consigliere

    Ines Simona Immacolata Pisano, Consigliere, Estensore

     

     

     

     

     

     

    L’ESTENSORE

     

    IL PRESIDENTE

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    DEPOSITATA IN SEGRETERIA

    Il 25/11/2013

    IL SEGRETARIO

    (Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

     

    PUBBLICATO IL: 25 novembre 2013 ALLE ORE 21:32