Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    AGG. 10.00 ESCLUSIVA / TERREMOTO SETOLA/ Arrestato l’avvocato Casella, super assessore PD a CASAGIOVE, un medico e altri tre


    Arriva al pettine la famosa vicenda che attestava una presunta, grave patologia oculare, che permise al boss di essere ricoverato a Pavia, ospedale da cui scappò per iniziare, immediatamente dopo, la terribile sequela di omicidi e stragi. Le indagini condotte dai carabinieri di Caserta e coordinate dalla Procura di Napoli TRA POCO ALTRI AGGIORNAMENTI AGGIORNAMENTO […]

    Nelle foto, da sinistra, Giuseppe Setola con occhiali scuri e benda e il suo avvocato Gerry Casella

    Arriva al pettine la famosa vicenda che attestava una presunta, grave patologia oculare, che permise al boss di essere ricoverato a Pavia, ospedale da cui scappò per iniziare, immediatamente dopo, la terribile sequela di omicidi e stragi. Le indagini condotte dai carabinieri di Caserta e coordinate dalla Procura di Napoli TRA POCO ALTRI AGGIORNAMENTI

    AGGIORNAMENTO 10.00 - Come era stato facile dedurre dal comunicato stampa dei Carabinieri di Caserta, l’avvocato arrestato stamattina, con l’accusa di favoreggiamento a vantaggio del macellaio dei casalesi Giuseppe Setola, è Gerry Casella, tra l’altro esponente del PD e assessore ai Lavori Pubblici nel comune di Casagiove.

    Fu lui, secondo l’accusa della Dda a costruire, insieme al medico Fronterré, a sua volta arrestato nell’operazione di stamattina, la falsa attestazione che pose le condizioni affinché Setola uscisse dal carcere, fosse ricoverato a Pavia, evadesse dalla struttura sanitaria e facesse il macello che poi fece.

    Oltre ai due professionisti, ordinanze anche per Brusciano, per il solito Granato e per una quinta persona, di cui, tra poco vi forniremo le generalità

    Le attività d’indagine sono state svolte dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Caserta e coordinate dalla Procura di Napoli diretta dal dott. Giovanni Colangelo, sono state direttamente seguite dai Sostituti Procuratori Alessandro Milita,  Giovanni Conzo,  Antonello Ardituro e Cesare Sirignano.

     

    CASERTA - E’ in corso un’operazione dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta, che stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere su richiesta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, nei confronti di cinque indagati, tra cui due noti professionisti nel campo medico e legale.

    L’attività d’indagine ha consentito di individuare in un medico ed un avvocato coloro che hanno attestato falsamente la condizione di cecità del Setola, grazie alla quale lo stesso venne ammesso nel 2007 al beneficio degli arresti domiciliari in Pavia, dai quali evase il 7 aprile 2008, assumendo poi, in latitanza, il comando dell’”ala stragista” del clan “dei Casalesi” responsabile degli efferati eventi omicidiari allo stesso ricondotti (tra il 2 maggio ed il 12 dicembre 2008, in poco più di 7 mesi, sono stati consumati 18 omicidi e ferite 8 persone).

    Inoltre è stato acclarato come l’avvocato del Setola abbia fornito un consapevole e stabile apporto all’organizzazione camorristica attraverso il recapito di disposizioni e messaggi che il latitante inviava ai suoi sodali in libertà. Tra gli indagati anche coloro che hanno finanziato materialmente la realizzazione dei falsi documenti in favore del Setola.

    PUBBLICATO IL: 21 dicembre 2012 ALLE ORE 11:00