Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    TENTATA CONCUSSIONE, Il sindaco di Santo fa scena muta davanti ai giudici


      Il primo cittadino, stando alle ultime indiscrezioni, sta pensando alle dimissioni   SANT’ARPINO -Eugenio Di Santo, sindaco di Sant’Arpino si è avvalso della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio di garanzia. Arrestato sabato scorso per aver chiesto in regalo un bracciale tempestato di diamanti, il Tennis, del valore di oltre duemila euro a un imprenditore […]

    Nella foto: Eugenio di Santo

     

    Il primo cittadino, stando alle ultime indiscrezioni, sta pensando alle dimissioni

     

    SANT’ARPINO -Eugenio Di Santo, sindaco di Sant’Arpino si è avvalso della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio di garanzia. Arrestato sabato scorso per aver chiesto in regalo un bracciale tempestato di diamanti, il Tennis, del valore di oltre duemila euro a un imprenditore che aveva vinto la gara d’appalto per la mensa scolastica nel plesso Cinquegrana a Sant’Arpino. L’accusa per lui è di tentata concussione ai danni dell’imprenditore di Lusciano. Il sindaco, questo pomeriggio, sospeso dalle sue funzioni dal prefetto di Caserta, si è presentato nel tribunale di Napoli Nord per essere interrogato dal giudice Alessandro Buccino Grimaldi che ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere su richiesta della procura. Ma Di Santo, difeso dagli avvocati Giuseppe Stellato e Raffaele Costanzo, si è avvalso del diritto di non rispondere. Ora, i legali potranno chiedere la revoca degli arresti domiciliari per il suo assistito al tribunale del Riesame di Napoli. Il sindaco, stando ad alcune indiscrezioni, sta pensando alle dimissioni.

    PUBBLICATO IL: 23 dicembre 2013 ALLE ORE 17:01