Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    TEANO – Atto vandalico su terreno confiscato. Arriva la commissione ecomafie


       COMUNICATO STAMPA Teano – Un vile attentato, quello ai danni della “Cooperativa Le Terre di don Peppe Diana”, con i danneggiamenti dei frutteti confiscati a Teano, nella frazione Pugliano, che non può rimanere senza risposta. Martedì 30 luglio, il “Meeting della Legalità” farà tappa nella città sidicina per sostenere quella che i promotori definiscono […]

    Nella foto, Adele Passaretti

     

     COMUNICATO STAMPA

    Teano – Un vile attentato, quello ai danni della “Cooperativa Le Terre di don Peppe Diana”, con i danneggiamenti dei frutteti confiscati a Teano, nella frazione Pugliano, che non può rimanere senza risposta. Martedì 30 luglio, il “Meeting della Legalità” farà tappa nella città sidicina per sostenere quella che i promotori definiscono “una battaglia di civiltà”. Cinquecento giovani, provenienti da tutta Italia, si ritroveranno sul terreno dove, il 12 luglio scorso, ignoti hanno tagliato l’impianto di irrigazione del meleto e del pescheto in più punti e divelto tutte le chiavi di arresto dell’impianto, rubando materiale e gettando a terra i frutti dei primi tre filari di pesche, già pronti per essere raccolti. Un evento promosso dal “Movimento dei Focolari”, dal “Movimento Giovani per un Mondo Unito”, dall’associazione “Mondo Unito Giovani” di Puglia, Molise, Campania e Basilicata e dall’associazione “Focus Focolari – coordinamento di Caserta”, con il sostegno di Libera, Comitato Don Diana e dell’amministrazione comunale di Teano. Il raduno alle ore 9 sul terreno confiscato, poi alle 10.30 tutti al campo sportivo di Pugliano dove si riunirà la commissione regionale sulle ecomafie e i beni confiscati. “Queste azioni criminali non fanno altro che accrescere la determinazione ad andare avanti, più motivati e numerosi di prima”, ribadisce Adele Passaretti, capogruppo della maggioranza consiliare e delegata alla legalità e ai beni confiscati, che invita la cittadinanza “alla massima partecipazione” per “dare un segnale concreto a chi cerca di fermare i percorsi di riscatto intrapresi dalle comunità sane, alternative alla camorra”. 

    PUBBLICATO IL: 29 luglio 2013 ALLE ORE 19:08