Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA MILIONI E POLITICA CORROTTA – Soldi e vacanze in cambio di appalti: Angelo Grillo continua a parlare e “mette in mezzo” Alfonso Papa e il presidente di Trenitalia


        Secondo Angelo e Roberto Grillo, l’ex parlamentare avrebbe promesso, in cambio di soldi, il proprio interessamento per far ottenere appalti alla loro azienda – che aveva problemi a causa di una interdittiva antimafia – grazie alle ”entrature” presso Trenitalia e, in particolare, presso il presidente Zanichelli   La procura di Napoli apre una […]

     

    Nella foto, da sinistra: Angelo Grillo, Alfonso Papa e Marco Zanichelli

     

    Secondo Angelo e Roberto Grillo, l’ex parlamentare avrebbe promesso, in cambio di soldi, il proprio interessamento per far ottenere appalti alla loro azienda – che aveva problemi a causa di una interdittiva antimafia – grazie alle ”entrature” presso Trenitalia e, in particolare, presso il presidente Zanichelli

     

    La procura di Napoli apre una nuova inchiesta sull’ex magistrato ed ex deputato del Pdl Alfonso Papa e nelle indagini viene coinvolto il presidente di Trenitalia Marco Zanichelli.

    Il dirigente risulta indagato per concorso in concussione ed è stato ieri destinatario di un decreto di perquisizione eseguito dalla Guardia di Finanza su disposizione dei pm di Napoli Celeste Carrano e Giusy Loreto.

    Zanichelli è chiamato in causa in concorso con lo stesso Alfonso Papa e il padre dell’ex parlamentare, Giovanni. Zanichelli respinge le accuse, dicendosi vittima di millanterie di persone coinvolte nell’inchiesta e annunzia iniziative giudiziarie, anche contro l’ex parlamentare.

    Le indagini si basano in particolare sulle dichiarazioni degli imprenditori di Marcianise Angelo e Roberto Grillo, titolari di una azienda di servizi di pulizie, nonchè sul contenuto di intercettazioni telefoniche. Secondo gli imprenditori, l’ex parlamentare avrebbe promesso, in cambio di soldi, il proprio interessamento per far ottenere ai Grillo appalti alla loro azienda – che aveva problemi a causa di una interdittiva antimafia – grazie alle ”entrature” presso Trenitalia e, in particolare, presso il presidente Zanichelli.

    Papa sarebbe così riuscito ad ottenere 20mila euro, versati in contanti e in varie tranche. La consegna dei soldi in alcuni casi sarebbe stata fatta nelle mani del padre dell’ex deputato, Giovanni Papa. Il reato di concussione viene contestato anche per una vacanza che dirigenti di Trenitalia avrebbero trascorso in un albergo della Costiera Amalfitana e costata 5000 euro.

    I Grillo hanno riferito che fu Papa a intascare parte dei soldi spiegando che gli servivano a pagare la vacanza a Zanichelli. Gli imprenditori hanno confermato di aver incontrato un paio di volte Zanichelli che a sua volta li avrebbe indirizzati presso ”una persona sua” che si occupava delle gare di appalto.

    Gli obiettivi non sarebbero stati comunque raggiunti in seguito al coinvolgimento nella vicenda giudiziaria per la quale si trova attualmente sotto processo. Papa avrebbe ricevuto, in cambio del suo interessamento, anche l’uso di una Audi A6.

    La nuova indagine della procura di Napoli ha anche portato alla luce un altro presunto episodio di corruzione, che vede indagato lo stesso Papa e l’imprenditore ischitano Nicola D’Abundo: quest’ultimo, in cambio della promessa di appalti, avrebbe ottenuto il pagamento di stipendi, nell’ambito di un rapporto di lavoro fittizio nell’impresa di pulizie, per la sua amica Ludmyla Spornyk, nonchè la cessione a titolo gratuito di una Mercedes e il pagamento in favore della moglie, Tiziana Rodà, di emolumenti corrisposti dalla società di navigazione Alilauro Med Mar, di proprietà di D’Abundo.

    Tra le promesse di appalti ai Grillo al centro dell’inchiesta ve ne sono anche alcuni riguardanti il porto di Cecina, in provincia di Livorno. In una dichiarazione Zanichelli ‘rivendica di aver sempre agito nella massima trasparenza e legalità” e manifesta ‘‘fiducia nella Magistratura, cui ha già dato e continuerà a dare pronta ed immediata collaborazione”.

    PUBBLICATO IL: 14 febbraio 2014 ALLE ORE 8:12