Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    I Secondiglianesi invadono il territorio dei Casalesi. Arrestato pluripregiudicato armato


    Operazione degli agenti della Squadra Mobile di Caserta e dei colleghi della sezione distaccata di Casal di Principe

    Santolo Ferrara

     

    CASTEL VOLTURNO. Nell’ambito della quotidiana e costante attività di contrasto al crimine comune e organizzato, nella tarda serata di ieri, personale della Squadra Mobile di Caserta, diretta dal dott. Alessandro Tocco, e della Sezione Distaccata di Casal di Principe, diretta dal dott. Mario Grassia, ha tratto in arresto per detenzione illegale di una pistola revolver clandestina, in quanto priva di numero di matricola,  Santolo Ferrara, 52enne pluripregiudicato, residente a Napoli, quartiere Secondigliano, ma di fatto domiciliato a Castel Volturno.

    In particolare, il personale operante, avuto il fondato sospetto che  Ferrara potesse detenere armi, ha effettuato un’accurata perquisizione presso l’abitazione dell’uomo, dove ben occultata, è stata rinvenuta una pistola revolver clandestina.

    L’arresto del secondiglianese conferma una tendenza rilevata in occasione di precedenti operazioni, come nel caso dell’arresto operato ad Orta di Atella il 9.1.2014, dalle Squadre Mobili di Roma e Caserta, del latitante Domenico Ciccarelli, 41enne, boss del clan Ciccarelli- Russo di Caivano.

    Infatti, appare sempre più evidente la diffusa presenza nel comprensorio casertano, in particolare aversano e domitio, di pregiudicati napoletani, spinti dalla notevole pressione esercitata dalle forze dell’ordine ad allontanarsi dai quartieri della periferia nord, come appunto Secondigliano.

    Proprio per sfuggire all’incalzante attenzione investigativa, essi sono indotti a spostare in questa provincia la gestione delle loro attività illecite, soprattutto nel settore degli stupefacenti, agevolati dalla contiguità dei territori.

    Sono in corso accertamenti sull’arma al fine di verificare se la stessa sia stata utilizzata in passato  per commettere gravi fatti di sangue .

    Ferrara, pregiudicato per reati contro il patrimonio, dopo le formalità di rito, è stato condotto presso il carcere di S. Maria C.V. a disposizione dell’autorità giudiziaria.

    PUBBLICATO IL: 4 aprile 2014 ALLE ORE 13:03