Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Teantato omicidio a San Cipriano, si costituisce l'autore: un operaio 67enne


    Dissapori personali, legati a liti di vicinato, alla base dell’agguato, avvenuto ieri, venerdì, in Corso Umberto. Fortunatamente, tre colpi di pistola hanno colpito la portiera dell’auto senza attingere il bersaglio. San Cipriano d’Aversa – I carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Casal di Principe, hanno tratto in arresto M. A., 67enne del luogo, ritenuto […]

    Dissapori personali, legati a liti di vicinato, alla base dell’agguato, avvenuto ieri, venerdì, in Corso Umberto. Fortunatamente, tre colpi di pistola hanno colpito la portiera dell’auto senza attingere il bersaglio.

    San Cipriano d’Aversa – I carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Casal di Principe, hanno tratto in arresto M. A., 67enne del luogo, ritenuto responsabile dell’aggressione con colpi d’arma da fuoco ai danni di un operaio del posto, avvenuta ieri mattina a San Cipriano d’Aversa dove, per strada, davanti all’ufficio postale della centralissima Corso Umberto di quel centro, un operaio di Casal di Principe che transitava a bordo della sua autovettura è stato fatto oggetto dell’esplosione di quattro colpi d’arma da fuoco, da una persona armata di pistola che, subito dopo scappava via a bordo di un utilitaria di colore blu.

    Il bersaglio dell’aggressore riusciva a salvarsi poiché ben tre colpi attingevano la sua autovettura senza ferirlo. Le immediate attività di indagine svolte dai Carabinieri hanno permesso, fin da subito, di ricondurre il fatto ad alcuni dissidi tra vicini di casa intercorsi nei mesi precedenti tra la vittima e il pensionato arrestato che,  nelle ore successive all’evento risultava essere irreperibile.

    Nella tarda serata di ieri, però, dopo un’incessante attività di ricerca svolta dai carabinieri, il Morza si è consegnato in caserma. L’arrestato, nei cui confronti è stato emesso un decreto di fermo dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, è stato tradotto in carcere e risponderà di “tentato omicidio aggravato dai futili motivi e porto illegale di arma”.

    PUBBLICATO IL: 9 febbraio 2013 ALLE ORE 8:18