Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    S. Maria C.V. – Scarcerato il noto pusher di piazza Mazzini


    Vincenzo Mauro è stato rimesso in libertà dal tribunale del Riesame, che ha accolto la richiesta del difensore Sciarretta   SANTA MARIA CAPUA VETERE - Il giovane Vincenzo Mauro, già noto alle forze di Polizia per frequentazioni di ambienti contigui allo  spaccio di sostanze stupefacenti arrestato per detenzione di oltre cento dosi di Hashish, è […]

    Nella foto, Vincenzo Mauro

    Vincenzo Mauro è stato rimesso in libertà dal tribunale del Riesame, che ha accolto la richiesta del difensore Sciarretta

     

    SANTA MARIA CAPUA VETERE - Il giovane Vincenzo Mauro, già noto alle forze di Polizia per frequentazioni di ambienti contigui allo  spaccio di sostanze stupefacenti arrestato per detenzione di oltre cento dosi di Hashish, è stato scarcerato dal Tribunale delle Libertà di Napoli.

    Il ragazzo poco più che ventenne, arrestato una prima volta e sottoposto all’obbligo di firma; fu riarrestato perchè ritrovato nuovamente nella centralissima piazza Mazzini vicino al Palazzo di Giustizia sammaritano, in possesso di sostanza stupefacente, che secondo i militatri era pronta per la cessione a terzi.

    Il GIP di Santa Maria C.V. investito sulla convalida dell’arresto; applicava al predetto la misura della custodia cautelare in carcere, ritenendo il pericolo di reiterazione fronteggiabile esclusivamente con la misura maggiormente afflittiva, ritenendo il giovane “inaffidabile e irrispettoso” delle prescrizioni di qualsiasi altra misura extramuraria.

    La difesa rappresentata dall’avv. M. Sciarretta,   alla luce delle recentissima statuizione della Suprema Corte in relazione al principio del “minor sacrificio necessario”della compressione della libertà personale, e la funzionalità delle esigenze social/preventive comunque con  una misura meno afflittiva, vedeva da parte del Tribunale delle Libertà di Napoli XX° sezione, sostituire la misura della custodia cautelare in carcere con gli arresti domiciliari.


    PUBBLICATO IL: 1 luglio 2013 ALLE ORE 20:19