Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    S.MARIA C.V Sabrina era controllata costantemente. Solo una fatalità la sua morte


        Quando i genitori, Gabriele, e la madre, operaia dell’ex Siemens a Marcianise, erano fuori casa ad occuparsi della piccola era la nonna S.MARIA C.V – Le giornate in casa Tavano trascorrevano tranquillamente, all’insegna dell’allegria e della gioia. Il padre, Gabriele, un falegname, e la madre di Sabrina, operaia dell’ex Siemenens marcianisana, vivevano per […]

    Nella foto, via Luigi Sturzo. Nel riquadro, Sabrina Tavano

     

     

    Quando i genitori, Gabriele, e la madre, operaia dell’ex Siemens a Marcianise, erano fuori casa ad occuparsi della piccola era la nonna

    S.MARIA C.V – Le giornate in casa Tavano trascorrevano tranquillamente, all’insegna dell’allegria e della gioia. Il padre, Gabriele, un falegname, e la madre di Sabrina, operaia dell’ex Siemenens marcianisana, vivevano per la piccola Sabrina: il loro scopo era accudirla, renderla felice e combattere insieme contro quella dolorosa malattia che stava annullando gradualmente la vista della giovane.

    Tutti in famiglia Tavano dedicavano cure e profonda attenzione nei confronti della  bambina. Quando i genitori erano impegnati a controllare Sabrina era la nonna.

    Ieri, lunedì, la tragedia si è consumata in pieno pomeriggio. Sabrina si affaccia al balcone dell’appartamento di via Sturzo, in casa c’era la mamma, probabilmente si espone troppo, perde l’equilibrio e cade al suolo gettando nella disperazione la sua famiglia che le donava con costanza affetto e sostegno

    red.cro.

    PUBBLICATO IL: 1 ottobre 2013 ALLE ORE 11:46