Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Rubano 270 litri di gasolio, gioielli e assegni: 3 arresti


    Operazione eseguita dai militari dell’Arma della Compagnia di Piedimonte Matese PIEDIMONTE MATESE - A seguito di un’attività investigativa coordinata dalla Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese e condotta dai militari della locale Stazione e da quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile, tre persone sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per […]

    Operazione eseguita dai militari dell’Arma della Compagnia di Piedimonte Matese

    PIEDIMONTE MATESE - A seguito di un’attività investigativa coordinata dalla Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese e condotta dai militari della locale Stazione e da quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile, tre persone sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per furto aggravato e ricettazione.

    Il primo a finire nei guai è stato A.F., 30enne di Napoli, dipendente della ditta che si occupa di rifornimento del carburante dei treni a gasolio della tratta Piedimonte Matese – Napoli. I militari lo hanno sorpreso alla guida della sua autovettura proprio nelle vicinanze della stazione ferroviaria di Piedimonte Matese, dopo che aveva asportato circa 270 litri di gasolio dalla colonnina ubicata all’interno della stazione, versati in 9 taniche da 30 litri che aveva occultato nella propria autovettura. La refurtiva è stata interamente recuperata e restituita all’Ente Autonomo Volturno, ex Metro Campania.

    Ulteriori indagini sono in corso per accertare se il 30enne avesse perpetrato altri furti di gasolio nel recente passato e se lo stesso si sia avvalso della collaborazione di qualche complice.

    Sempre per furto aggravato è finito nei guai M.V., 32enne del posto, il quale è stato riconosciuto quale presunto autore del furto di alcuni monili in oro asportati all’interno dell’abitazione di un pasticcere della zona lo scorso 13 giugno. A lui i Carabinieri ci sono arrivati tramite indagini esperite nei pressi di alcuni negozi “compro oro”, dove il 32enne si era recato per vendere la merce. Anche in questo caso le indagini non possono ritenersi concluse e sono tese ad accertare se il giovane abbia agito da solo o con la complicità di qualcuno.

    Infine è finito nei guai per ricettazione V.C. 39enne del luogo, il quale secondo quanto accertato dai militari, ha tentato di porre all’incasso presso un istituto di credito del centro cittadino, un assegno bancario dell’importo di tremila euro, che si è scoperto essere stato rubato ad una commerciante del posto, nel settembre dello scorso anno. Il titolo è finito sotto sequestro in attesa di essere restituito alla legittima proprietaria.

    PUBBLICATO IL: 29 giugno 2013 ALLE ORE 10:10