Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Rissa violenta nel ristorante Forchetta d’oro di BELLONA: arrestati in 8. C’è anche il proprietario


        4 persone di Casagiove per futili motivi hanno ingaggiato un forte litigio con il proprietario. Il diverbio, trasformatosi in rissa a causa dell’arrivo  di 3 parenti del titolare, iniziato all’interno del ristorante è proseguito anche nello spiazzale antistante al locale causando il danneggiamento di una Alfa parcheggiata di un cliente   BELLONA – […]

    Nella foto la strada del ristorante dove si è consumata la rissa

     

     

    4 persone di Casagiove per futili motivi hanno ingaggiato un forte litigio con il proprietario. Il diverbio, trasformatosi in rissa a causa dell’arrivo  di 3 parenti del titolare, iniziato all’interno del ristorante è proseguito anche nello spiazzale antistante al locale causando il danneggiamento di una Alfa parcheggiata di un cliente

     

    BELLONA – I Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Capua sono intervenuti nella tarda serata di ieri in Bellona, presso il ristorante denominato “Forchetta D’oro”, sito in quella via Nazzario  Sauro ove erano intente a cenare quattro persone I.G. cl. 68, I.L. cl. 65, D.B.F. cl. 77 e F.L. cl. 68, tutte di Casagiove le quali, per futili motivi, ingaggiavano forte litigio con il proprietario del locale G.M. cl 88 di Bellona.

    In breve tempo, il litigio degenerava in una violenta rissa, a causa del sopraggiungere dei parenti del titolare dell’esercizio commerciale queste le loro iniziali G.G. cl. 59, G.G. cl. 61 e M.D. cl. 90, tutti del luogo. La colluttazione continuava anche fuori dal locale con il danneggiamento, mediante mazze di ferro, dell’autovettura Alfa Romeo 147, di proprietà di uno dei clienti coinvolti nella rissa. Solo l’intervento dei militari dell’Arma riusciva a sedare gli animi e a riportare la calma. Quasi tutte le 8 persone coinvolte nella rissa venivano successivamente medicate da personale del 118 e/o presso l’Ospedale Civile di Caserta per escoriazioni e contusioni multiple in diverse parti del corpo. Tutti venivano tratti in arresto in flagranza per il reato di rissa e di resistenza a pubblico ufficiale, ai quali, in attesa della celebrazione del rito direttissimo, venivano concessi gli arresti domiciliari tranne G.G. cl. 59 che è stato, invece, ristretto nelle camere di sicurezza della Compagnia

    PUBBLICATO IL: 9 maggio 2013 ALLE ORE 18:04