Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Rifiuti: inchiesta Cub, proteste e assunzioni nel mirino dei pm


    Saranno ascoltati nuovi testi e acquisiti atti da altre procure   CASERTA - Interruzione di pubblico servizio, danneggiamento, violenza, minacce, lesioni: sono alcune delle ipotesi di reato formulate nell’ambito dell’inchiesta sulle iniziative di protesta messe in atto dai dipendenti dei Consorzi di bacino per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Nel corso dell’indagine, condotta […]

    Nella foto la protesta degli ex dipendenti del Cub

    Saranno ascoltati nuovi testi e acquisiti atti da altre procure  

    CASERTA - Interruzione di pubblico servizio, danneggiamento, violenza, minacce, lesioni: sono alcune delle ipotesi di reato formulate nell’ambito dell’inchiesta sulle iniziative di protesta messe in atto dai dipendenti dei Consorzi di bacino per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Nel corso dell’indagine, condotta dal pm Raffaello Falcone e coordinata dal procuratore aggiunto Giovanni Melillo, sono stati ascoltati nei giorni scorsi in qualita’ di testimoni, il commissario liquidatore dei Consorzi unici di bacino di Napoli e Caserta e l’amministratore unico della Sepsa, la societa’ della Provincia che gestisce lo smaltimento. I magistrati fisseranno presto un calendario di interrogatori di persone informate dei fatti, tra i quali dovrebbero figurare anche esponenti politici e funzionari di istituzioni, in particolare la Provincia di Napoli.

    Lo scenario che emerge dalle indagini e’ quello di pressioni esercitate secondo l’ipotesi degli investigatori, attraverso raid e altre forme di protesta, in vista di future assunzioni nella pubblica amministrazione, una volta liquidati i Cub.

    Gli inquirenti acquisiranno informazioni anche da altri uffici giudiziari (come le procure di Caserta e di Nola) dove pure nel corso degli anni sono stati aperti diversi fascicoli per vicende analoghe, allo scopo di avere un quadro quanto piu’ unitario sulle proteste e sulla gestione dei bacini. Un prossimo passo dell’inchiesta dovrebbe riguardare anche i criteri adottati nelle assunzioni all’interno dei Cub

    PUBBLICATO IL: 3 febbraio 2014 ALLE ORE 19:12