Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Retata di albanesi a MADDALONI, sospettati di aver razziato case ed appartamenti


    Operazione degli uomini del locale commissariato di polizia, a caccia di clandestini MADDALONI – Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio tesi al contrasto dell’immigrazione clandestina, nonché dei reati predatori ed, in particolar modo, dei furti in appartamento, il personale del Commissariato di Maddaloni  e dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Caserta procedeva, nella giornata di […]

    Operazione degli uomini del locale commissariato di polizia, a caccia di clandestini

    MADDALONI – Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio tesi al contrasto dell’immigrazione clandestina, nonché dei reati predatori ed, in particolar modo, dei furti in appartamento, il personale del Commissariato di Maddaloni  e dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Caserta procedeva, nella giornata di oggi,  sabato, all’espulsione di 6 cittadini albanesi mediante accompagnamento coatto alla frontiera con imbarco immediato dal porto di Bari.
    I servizi, concentrati a Maddaloni, dove nella nottata era stato consumato un furto in appartamento, consentivano di individuare nei pressi del bar all’incrocio tra Via Ponte Carolino e Via delle Vigne, i 6 giovanissimi che fermati e portati in ufficio, venivano identificati, malgrado la loro reticenza, come albanesi clandestini con età compresa dai 24 anni ai diciotto anni (rispettivamente il più grande dell’1988, due gemelli del 1992, due del 1991 ed il più piccolo del 1995).
    Già qualche giorno fa all’altezza dei semafori nei pressi dell’Hotel Vanvitelli il personale del Commissariato di Maddaloni, aveva proceduto al fermo ed al fotosegnalamento di alcuni extracomunitari di nazionalità senegalese, di cui due di età di 28 e 54 anni con vari precedenti penali anche per furto, provenienti dalle provincie limitrofe, per i quali il Questore di Caserta, ha disposto il divieto di ritorno nel comune di S. Marco Evangelista.
    Disposto il divieto di ritorno a Maddaloni anche per L. A. italiano, di 38 anni pregiudicato di S. Maria a Vico, con precedenti per rapina, usura ed estorsione trovato in questa Via Feudo.
    Proseguono serrate, comunque, le attività tese al contrasto dell’immigrazione clandestina e all’individuazione di eventuali complici degli stessi;
    L’attività finora realizzata costituisce un importante risultato di prevenzione anche all’odioso fenomeno dei reati predatori.

    PUBBLICATO IL: 17 novembre 2012 ALLE ORE 19:30