Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Resiste ad un rapinatore armato di ascia. I carabinieri piombano sul malvivente e lo arrestano


    VITTIMA UN IMPRENDITORE DI CASAL DI PRINCIPE. Minuti di autentico terrore, stamattina, lunedì, in via Roma, a CANCELLO ED ARNONE. Il bandito aveva cominciato ad accanirsi sull’auto. CANCELLO ED ARNONE - Un uomo 66enne di Casal di Principe nella mattinata di oggi, lunedì si è recato nel Comune di Cancello ed Arnone per depositare presso […]

    Nelle foto, da sinistra, la sede di Banco Di Napoli di via Roma a Cancello ed Arnone e il rapinatore Tommaso Parretta

    VITTIMA UN IMPRENDITORE DI CASAL DI PRINCIPE. Minuti di autentico terrore, stamattina, lunedì, in via Roma, a CANCELLO ED ARNONE. Il bandito aveva cominciato ad accanirsi sull’auto.

    CANCELLO ED ARNONE - Un uomo 66enne di Casal di Principe nella mattinata di oggi, lunedì si è recato nel Comune di Cancello ed Arnone per depositare presso la filiale del Banco di Napoli ubicata in via Roma una ingente somma di denaro provento della propria attività commerciale.

    Mentre si accingeva ad entrare nell’istituto di credito è stato avvicinato ed aggredito da un uomo con il volto coperto da passamontagna ed armato di ascia che ha tentato di rubargli il borsello. La vittima dell’aggressione è riuscita a divincolarsi e a trovare istintivamente rifugio all’interno della propria autovettura parcheggiata nei pressi della banca.

    Il malfattore non contento si è accanito contro il veicolo anche con l’uso dell’ascia, procurando diversi danni alla carrozzeria dell’automobile. A questo punto, una pattuglia del Comando Stazione di Cancello ed Arnone, di servizio perlustrativo e preventivo contro i reati predatori, al comando del maresciallo Eduardo Antonio De Filippo, notando la situazione di pericolo è intervanuta prontamente bloccando il malvivente mentre ancora brandiva l’affilata arma. L’uomo è stato, poi, identificato. Si tratta di Tommaso Parretta, di 51 anni, residente a Terracina.

    Il malvivente è stato arrestato in arresto in flagranza per il reato di “tentata rapina aggravata e lesioni personali in concorso”. La vittima fortunatamente e grazie al repentino intervento da parte dei militari dell’Arma, invece è stata accompagnata presso la clinica Pineta Grande di Castel Volturno.

    PUBBLICATO IL: 11 marzo 2013 ALLE ORE 18:40