Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    RAPINA ALLA GIOIELLERIA DAMIANI DI VITULAZIO / La complice "bionda" di Peppe o' Corsaro, "riarrestata" a CASTEL VOLTURNO


    Era stata già acciuffata il 22 febbraio scorso. Poi le furono concessi i domiciliari. Oggi, i carabinieri della stazione volturnense sono stati costretti a fermarla di nuovo per evasione dai domiciliari CASTEL VOLTURNO – Era stata arrestata il 22 febbraio scorso dai carabinieri della compagnia di Caserta, a seguito della rapina organizzata e messa in […]

    Nelle foto Giuseppe Albiano, Michele Tarquini, Pietro Vasta, Gabriella Zih, Gaetano Sorano

    Era stata già acciuffata il 22 febbraio scorso. Poi le furono concessi i domiciliari. Oggi, i carabinieri della stazione volturnense sono stati costretti a fermarla di nuovo per evasione dai domiciliari

    CASTEL VOLTURNO – Era stata arrestata il 22 febbraio scorso dai carabinieri della compagnia di Caserta, a seguito della rapina organizzata e messa in cantiere presso la gioielleria Damiani di Vitulazio. Gabriella Zih, dopo aver ottenuto i domiciliari presso la sua abitazione di Castel Volturno, non ha rispettato le misure restrittive imposte dal Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere.

    Così, i carabinieri della locale stazione  sono stati costretti ad arrestarla nuovamente e a trasferirla presso la casa circondariale di Pozzuoli.

    La donna, di origine romena assieme a Giuseppe Albiano detto Peppe o’ Corsaro, disabile di Vitulazio, e ad altri complici di Castel Volturno, quali: Michele Vasta,Pietro Tarquini e Gaetano Torano, aveva svolto un ruolo di primo piano nell’azione criminale ai danni  della nota gioelleria del paese caleno. Proprio lei era entrata nel negozio e aveva distratto il titolare per compiere il colpo.

    I carabinieri, mediante il cosiddetto sistema antirapina adottato dal comando provinciale dell’Arma, dopo alcune ore e a seguito di un rocambolesco inseguimento, riuscirono ad acciuffare tutti i componenti della banda.

    Una volta ottenuti i domiciliari, la rapinatrice residente a Castel Volturno, ha deciso di infischiarsene del provvedimento. A questo punto i militari sono stati costretti a riarrestala.

    Massimiliano Ive

    PUBBLICATO IL: 9 marzo 2013 ALLE ORE 13:31