Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Raid vandalico: allagata e danneggiata la sede delle scuole materna ed elementare appena ristrutturata


    Il fatto si è verificato nella notte tra venerdì e sabato a CONCA DELLA CAMPANIA. Il commento del Sindaco Alberico di Salvo che era riuscito, nel 2011 ad ottenere un importante finanziamento per la ristrutturazione. CONCA DELLA CAMPANIA - Gravi danni alla scuola elementare e materna del paese nella notte tra venerdì e sabato scorsi. […]

    Nella foto il Primo Cittadino

    Il fatto si è verificato nella notte tra venerdì e sabato a CONCA DELLA CAMPANIA. Il commento del Sindaco Alberico di Salvo che era riuscito, nel 2011 ad ottenere un importante finanziamento per la ristrutturazione.

    CONCA DELLA CAMPANIA - Gravi danni alla scuola elementare e materna del paese nella notte tra venerdì e sabato scorsi. “Si tratta con ogni probabilità di atti vandalici”. Ad affermarlo, con molto rammarico, è il primo cittadino Alberico di Salvo, il quale, con tanti sacrifici, si era impegnato nella ristrutturazione dell’edificio.

    Ad allertare il sindaco sono stati alcuni cittadini che hanno visto fuoriuscire grandi quantità di acqua dall’istituto scolastico. In un primo momento si era pensato ad una dimenticanza da parte di uno degli operai impegnati nei lavori all’esterno dell’edificio, in seguito al primo sopralluogo, invece, è stata accertata la natura dolosa dell’evento.

    I danni prodotti all’istituto scolastico del paese ammontano a diverse migliaia di euro. L’ipotesi che si tratti di atti vandalici e non di un tentativo di furto è confermata anche dal fatto che chi si è introdotto all’interno dell’edificio non ha portato via nulla, ma si è divertito solo a creare numerosi danni all’istituto. Infatti, oltre ai rubinetti aperti che hanno causato l’allagamento della scuola, i carabinieri si sono trovati davanti porte rotte, pareti imbrattate con i colori che la scuola usa per le lezioni di arte, banchi e sedie spaccati. Nonostante i danni ingenti, però, il primo cittadino non si è perso d’animo e si è subito attivato affinché la struttura venga riparata in tempo per l’apertura del nuovo anno scolastico. L’amministrazione di Di Salvo è impegnata da anni in una serie di iniziative per promuovere l’istruzione e in particolare la valorizzazione dell’istituto in questione.

    Il sindaco, infatti, si era prodigato per realizzare un importante progetto che prevedeva la messa in sicurezza dell’edificio e l’installazione di un apposito sistema di videosorveglianza. Per il suddetto progetto il Comune aveva chiesto e ottenuto nel 2011 un cospicuo finanziamento di 500mila euro che sarebbe stato erogato in tre quote uguali da Ente, Stato e Regione. Il primo dei tre finanziatori ha versato la propria quota di fondi, oltre 160mila euro e ha provveduto alla ristrutturazione degli interni della scuola, realizzando nuove aule, controsoffittature isolanti, uscite di sicurezza, finestre a norma, tutto in tempi abbastanza brevi, per evitare che le lezioni si svolgessero con i lavori in corso. A questa prima fase di lavori sarebbe dovuta seguire una seconda fase che prevedeva, oltre alla realizzazione dell’impianto di videosorveglianza, anche il montaggio di pannelli fotovoltaici e altri servizi che avrebbero reso la scuola il fiore all’occhiello di questa amministrazione.

    Ma i lavori non sono mai stati terminati a causa dei ritardi nell’erogazione dei fondi da parte di Stato e Regione. I 330mila euro necessari per terminare la ristrutturazione non sono arrivati, pertanto l’Azienda vincitrice dell’appalto si è vista costretta a interrompere i lavori.

    In attesa che la burocrazia faccia il suo corso viene da pensare (con un po’ di amarezza) che se i lavori fossero terminati in tempo e se la scuola avesse avuto un adeguato sistema di antifurto, con tanto di telecamere, tutto questo si sarebbe potuto evitare.

    Michela Ricchiuti

    PUBBLICATO IL: 2 settembre 2013 ALLE ORE 19:17