Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    PROCESSO A COSENTINO – Il pentito Vassallo parla del presunto favore fatto dal deputato a “Carusiello”. Ma cade in contraddizione sul nome del carcere


      Stamattina, lunedì, controesame del testimone citato dall’accusa. Incalzato dagli avvocati difensori, ad un certo punto ha detto che il carcere duro in cui era confinato Salvatore Cantiello era quello di Carinola, che invece non è un carcere stabilmente dedicato ai detenuti in regime di 41 bis SANTA MARIA CAPUA VETERE – Udienza del processo a […]

    Nelle foto, da sinistra, Nicola Cosentino, Salvatore Cantiello e il carcere di Carinola

     

    Stamattina, lunedì, controesame del testimone citato dall’accusa. Incalzato dagli avvocati difensori, ad un certo punto ha detto che il carcere duro in cui era confinato Salvatore Cantiello era quello di Carinola, che invece non è un carcere stabilmente dedicato ai detenuti in regime di 41 bis

    SANTA MARIA CAPUA VETERE – Udienza del processo a Nicola Cosentino, precisamente del primo processo, quello in cui l’ex Sottosegretario è giudicato dal collegio presieduto da Gianpaolo Guglielmo. Nella prima parte dell’udienza, la difesa di Cosentino, rappresentata dagli avvocati Stefano Montone, Agostino De Caro e Nando Letizia, ha compiuto il controesame, cioè l’interrogatorio del testimone citato dall’accusa, Gaetano Vassallo.

    Ricordo – ha risposto Vassallo ad una precisa domanda della difesa – di aver appreso che Cosentino doveva intervenire al fine di modificare il regime del carcere duro a cui era sottoposto Salvatore Cantiello (noto esponente storico del clan dei Casalesi che scindendosi dal gruppo di Bidognetti, dette vita ad una sanguinosissima faida, che provocò decine e decine di omicidi, soprattutto nell’area di Villa Literno, dove il gruppo locale dei Tavoletta si alleò con Carusiello, contro i Bidognetti n.d.r.)”

    Al riguardo gli avvocati di Cosentino hanno tentato di comprendere se la dichiarazione di Vassallo fosse fondata o meno e, hanno chiesto, nel contempo, in quale carcere il Boss stesse scontando il regime carcerario al 41 bis e quando ciò accadde. Nel dibattimento Vassallo, in prima battuta non ha saputo rispondere né sulla data, né sul penitenziario. In un secondo momento poi ha precisato che il carcere in cui era recluso Cantiello era quello di Carinola.

    Tale dichiarazione, ovviamente è stata considerata come un elemento di contraddizione del test, in quanto Carinola non sarebbe un penitenziario che ospita chi è sottoposto al regime carcerario “duro”.

    Lo stesso Vassallo, poi interrogato sulle vicende pertinenti la costituzione dell’Eco 4 e della Florambiente, non si sarebbe ricordato in udienza nè dell’anno della costituzione né da chi era rappresentata la suddetta società.

    Subito dopo il controesame di Vassallo è stata la volta dell’esame del Pm nei confronti di Luigi Guida.

    Max Ive

     

    PUBBLICATO IL: 15 luglio 2013 ALLE ORE 17:48