Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    PROCESSO A COSENTINO – I difensori: “Il suo nome non è stato mai fatto esplicitamente nei colloqui tra Lady Bidognetti e il marito”


      Questo è risultato dal controesame di stamattina, lunedì, di un sostituto commissario della Dia, incaricato di ascoltare i colloqui in carcere tra Anna Carrino e Cicciotto di Max Ive SANTA MARIA CAPUA VETERE – Si è conclusa da circa 30 minuti (sono le 16.00 mentre scriviamo) l’udienza del processo Eco4, nella quale è imputato l’ex […]

     

    Nelle foto, da sinistra, Nicola Cosentino e Anna Carrino

    Questo è risultato dal controesame di stamattina, lunedì, di un sostituto commissario della Dia, incaricato di ascoltare i colloqui in carcere tra Anna Carrino e Cicciotto

    di Max Ive

    SANTA MARIA CAPUA VETERE – Si è conclusa da circa 30 minuti (sono le 16.00 mentre scriviamo) l’udienza del processo Eco4, nella quale è imputato l’ex parlamentare del Pdl, Nicola Cosentino. Oggi, lunedì, è stato ascoltato il sostituto commissario Dia, Mauro Mario, che ha riferito riguardo l’attività di indagine sulle intercettazioni ambientali eseguite in carcere durante i colloqui tra Francesco Bidognetti e la moglie Anna Carrino.

    Per il momento siamo in grado di offrire ai nostri lettori notizie pertinenti il controesame al teste effettuato stamane, dai legali di Cosentino, Stefano Montone e Nando Letizia. Più tardi cercheremo di ricostruire l’esame, invece, eseguito dalla Dda.

    Le domande degli avvocati del parlamentare azzurro si sono concentrate soprattutto sulla consistenza e sulla concretezza della presunta raccomandazione che doveva essere concessa ad un soldato, figlio di un detenuto, il quale, a sua volta doveva essere trasferito da Chieti a Napoli.

    In effetti, sarebbe emerso dal controesame del teste che il nome di Nicola Cosentino non sarebbe mai emerso o captato nelle intercettazioni. Secondo quanto riferito dai legali, Anna Carrino, solo in una secondo momento, cioè durante il periodo di collaborazione, su precise domande dei magistrati della Dda, avrebbe spiegato che per i fatti trascritti nelle intercettazioni lei e il marito si riferivano all’ex coordinatore regionale del partito di Berlusconi.

    A questo punto gli avvocati hanno chiesto in aula di verificare se il soldato, presumibilmente, raccomandato, fosse stato trasferito, beneficiando quindi dell’intervento del parlamentare. In base a quanto riferito dagli avvocati di Cosentino, il militare sarebbe rimasto a Chieti fino al giorno del congedo. Pertanto non vi sarebbe stato alcun trasferimento.

    Poi il sostituto commissario della Dia ha descritto meticolosamente i rapporti di parentela di Cosentino…

    Infine, sempre gli avvocati Stefano Montone e Nando Letizia hanno fatto presente ai giudici che il teste che ha conferito oggi in aula era presente alla precedente udienza del processo Eco 4, quando fu ascoltata Anna Carrino, quando proprio per i testimoni è prevista un’apposita sala.

    PUBBLICATO IL: 2 dicembre 2013 ALLE ORE 16:43