Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Prima notte di Nicola Cosentino nella villetta di Sesto Campano, dove è recluso ai domiciliari


    E’ il primo comune del Molise, a un tiro di schioppo da Vairano, Presenzano, Ailano e Ciorlano, 4 centri della nostra provincia CASERTA - Non proprio Venafro, ma quasi. Chi conosce bene, e chi scrive la conosce bene quella zona, sa che parlare di Sesto Campano e di Venafro è quasi la stessa cosa dato […]

    Nella foto lo scorcio di Sesto Campano e Cosentino

    E’ il primo comune del Molise, a un tiro di schioppo da Vairano, Presenzano, Ailano e Ciorlano, 4 centri della nostra provincia

    CASERTA - Non proprio Venafro, ma quasi. Chi conosce bene, e chi scrive la conosce bene quella zona, sa che parlare di Sesto Campano e di Venafro è quasi la stessa cosa dato che i due centri distano pochissimi chilometri l’uno dall’altro. In effetti la villetta affittata dalla famiglia di Nicola Cosentino per trascorrere il periodo degli arresti domiciliari a cui l’ex sottosegretario è ridotto solo per l’ordinanza de “Il pirncipe e la scheda ballerina”, è nel comune di Sesto Campano, il primo del Molise che ha un nome significativo, che fa capire quanto attinente sia ai territori della nostra regione e della nostra provincia.

    Sesto Campano è un comune piccolissimo, in pratica una dependace di Venafro. Cosentino l’ha scelto perché per soli 3 o 4 chilometri fa parte del Molise che è una regione in cui può stare dato che gli obblighi cautelari lo obbligano a non risiedere, inquesto momento né in Campania, né nel Lazio.

    Visto l’esito di ieri, quando il giudice Gianpaolo Guglielmo ha deciso di scarcerarlo completamente, cioè in libertà assoluta, anche sulla scorta di quello che aveva scritto la Cassazione nei giorni scorsi, è possibile che in questa villetta Cosentino non stia a lungo e che possa recuperare la piena libertà di movimento nel giro di poche settimane.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 27 luglio 2013 ALLE ORE 10:30