Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Ecco perché il giudice ha messo in carcere Polverino: “E’ lui che decide la spartizione tra i Belforte e i Casalesi”


    Secondo la Gip Iaselli Gasparin, almeno per quel che riguarda la gara da 27 milioni di euro per le pulizie, si muoveva nel solco degli ordini  impartitigli dal consigliere regionale. IN CALCE ALLA BREVE PREMESSA LA PAGINA 143 DELL’ORDINANZA CASERTA - In  molti ci hanno chiamati, in questi ultimi giorni, chiedendoci ripetutamente di spiegare loro, […]

    Nella foto, in alto, Luce e Grillo. In basso, Polverino e Gasparin

    Secondo la Gip Iaselli Gasparin, almeno per quel che riguarda la gara da 27 milioni di euro per le pulizie, si muoveva nel solco degli ordini  impartitigli dal consigliere regionale. IN CALCE ALLA BREVE PREMESSA LA PAGINA 143 DELL’ORDINANZA

    CASERTA - In  molti ci hanno chiamati, in questi ultimi giorni, chiedendoci ripetutamente di spiegare loro, il motivo giuridico per cui la Gip del tribunale di Napoli, Isablla Iaselli, ha deciso l’arresto in carcere di Angelo Polverino. Oggi è arrivato il momento, nel percorso di accuratissima e approfonditissima lettura di questa ordinanza, di spiegare il punto di vista, per il momento decisivo, della giudice.

    In poche parole la Iaselli considera Polverino, “in tal senso – scrive la Gip – depone la lettura complessiva delle ambientali”, il vero decisore che utilizza Gasparin, almeno per quel che riguarda le dinamiche della super gara da 27 milioni di euro, alla realizzazione dei propri obbiettivi. Obbiettivi, secondo la Iaselli, non certo edificanti, dato che si tratta di un riequilibrio degli introiti milionari della gara delle pulizie, tra il clan Belforte, rappresentato da Angelo Grillo, e il clan dei Casalesi, rappresentato da Lazzaro Luce.

    “La vera gara – scrive ancora il magistrato – si svolge nelle stanze  nelle stanze delle riunioni in cui si valutano gli accordi presi e il peso degli interlocutori, nonché la convenienza del momento a preferire il gruppo più forte e più vini.  E chi decide realmente (Polverino e Gasparin nel caso di specie) non teme reazioni da parte dell’imprenditore non accontentato (Angelo Grillo).”

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 17 novembre 2013 ALLE ORE 18:48