Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    PIEDIMONTE M/ Gli trovano a casa un vero arsenale, pistole, fucile e munizioni: denunciato


      Operazione “Pasqua Sicura”,  dei Carabinieri della locale compagnia. Dieci persone denunciate per reati vari. PIEDIMOMENTE MATESE – Un 60enne è finito nei guai per detenzione abusiva e omessa denuncia di armi, l’ uomo aveva in casa una pistola calibro 38, un fucile calibro 22, settantadue cartucce di diverso calibro e due caricatori.  Le armi […]

    Nella foto le armi sequestrate durante l’operazione

     

    Operazione “Pasqua Sicura”,  dei Carabinieri della locale compagnia. Dieci persone denunciate per reati vari.

    PIEDIMOMENTE MATESE – Un 60enne è finito nei guai per detenzione abusiva e omessa denuncia di armi, l’ uomo aveva in casa una pistola calibro 38, un fucile calibro 22, settantadue cartucce di diverso calibro e due caricatori.  Le armi e le munizioni, detenute abusivamente in quanto dopo averle acquistate ne aveva omesso la prescritta denuncia agli organi competenti, sono state sottoposte a sequestro.

    E’ scattato un piano di controllo straordinario del territorio da parte della Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese, che interesserà in particolar modo i giorni delle festività pasquali. L’operazione che é stata denominata “Pasqua Sicura”, ha l’obiettivo principale di contrastare ogni forma  di criminalità ed in particolare i reati di maggior allarme sociale. La strategia messa a punto prevede l’impegno di tutte le Stazioni dislocate sul territorio matesino, che vigileranno giorno e notte su tutti i diciannove comuni ricadenti sotto le rispettive giurisdizioni. A loro si affiancheranno nelle situazioni di emergenza le unità di pronto intervento del Nucleo Radiomobile, che verranno impiegate soprattutto sulle arterie principali del comprensorio, e avranno come compito anche quello di garantire la sicurezza stradale. Inoltre saranno impiegate pattuglie del Nucleo Operativo “in borghese” che a bordo di auto “civetta” vigileranno su obiettivi ritenuti sensibili come abitazioni isolate, attività commerciali, uffici postali, istituti bancari e altri luoghi di interesse.

    Tutte le pattuglie saranno costantemente radiocollegate con la Centrale Operativa di Piedimonte Matese, che 24 ore su 24, garantirà la presenza di personale altamente specializzato per rispondere a tutte le richieste di aiuto che dovessero pervenire dai cittadini o dai numerosi vacanzieri, attraverso il numero di emergenza “112”.

    Intanto, nelle ultime ore, sono fioccate le prime denunce e sequestri per reati che vanno dalla detenzione abusiva di armi  alla minaccia aggravata, dai reati di falso all’ inosservanza dei provvedimenti emessi dall’ Autorità Giudiziaria, dai maltrattamenti in famiglia all’ attività di commercio abusivo, fino allo smaltimento illecito di rifiuti. Nella circostanza ad eseguire le denunce e i sequestri a carico dei dieci responsabili di vari reati, sono state le Stazioni di Piedimonte, Alife, Ailano e i militari del Nucleo Radiomobile.

    Sempre a Piedimonte, una 40enne del luogo dovrà rispondere di minaccia aggravata nei confronti di un suo familiare, mentre un 32enne, sempre del posto, è stato denunciato per falsità in scrittura privata e uso di atto falso, poiché durante un controllo alla circolazione stradale ha  mostrato ai militari il contrassegno e la polizza assicurativa del veicolo, che sono risultati palesemente falsi. Pertanto nei suoi confronti è scattato anche il sequestro del mezzo, dei documenti di guida e di tutta la documentazione rinvenuta.

    Un 65enne di Gioia Sannitica, è finito nei guai per smaltimento illecito di rifiuti, avendo trasformato un terreno di sua proprietà in una vera e propria discarica abusiva. L’ area è finita sotto sequestro. Un pregiudicato, 47enne di Alife, è stato denunciato per non aver ottemperato alle prescrizioni della misura cautelare cui è sottoposto per reati contro il patrimonio e la persona. Un’ altro pregiudicato, 48enne di Napoli, è finito invece nei guai per attività di commercio ambulante abusivo, in quanto è stato sorpreso all’ interno del mercato settimanale di Alife, mentre poneva in vendita sessanta capi di abbigliamento di varie marche e diversa tipologia, in assenza delle prescritte autorizzazioni amministrative. La merce, sulla cui provenienza sono in corso ulteriori accertamenti, è finita sotto sequestro.

    E ancora ad Alife, un 40enne è stato denunciato per maltrattamenti in famiglia mentre un 43enne è finito nei guai per appropriazione indebita, essendosi impossessato illecitamente di una somma di denaro ricevuta come acconto per la compravendita di un’auto che però non ha mai consegnato all’acquirente. Infine ad Ailano, un 55enne ed una 50enne del luogo, sono stati denunciati per abusivismo edilizio, in quanto in qualità di proprietari erano intenti alla realizzazione di un fabbricato destinato ad attività commerciale, in assenza delle concessioni edilizie. La struttura del valore di circa centomila euro è stata sottoposta a sequestro. 

    PUBBLICATO IL: 30 marzo 2013 ALLE ORE 12:21