Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ORE 13.19 – ESCLUSIVA AVERSA – Blitz dei carabinieri in Comune. Sequestrati i documenti di piazza Crispi e anche l’ultima determina Sagliocco-Diana


        Era una visita attesa, visto che il sindaco, nell’estate scorsa aveva deciso di spedire tutte le carte relative agli atti deliberativi, che avevano coinvolto anche Dello Vicario, Della Valle e Massimo Pizzi, quest’ultimo nella veste di direttore dei lavori, agli uffici della Procura della Repubblica AVERSA – Erano attesi, ma non erano ancora arrivati. […]

     

     

    Nelle foto, Giuseppe Sagliocco, Alessandro Diana e Massimo Pizzi

    Era una visita attesa, visto che il sindaco, nell’estate scorsa aveva deciso di spedire tutte le carte relative agli atti deliberativi, che avevano coinvolto anche Dello Vicario, Della Valle e Massimo Pizzi, quest’ultimo nella veste di direttore dei lavori, agli uffici della Procura della Repubblica

    AVERSA – Erano attesi, ma non erano ancora arrivati. I carabinieri in comune per fotocopiarsi la copiosa documentazione relativa al mastodontico pasticcio di Piazza Crispi. Ieri, giovedì, i militari, su delega, evidentemente, della procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, hanno fatto il loro ingresso, nell’ufficio tecnico. Azione prevedibile, dato che nel luglio scorso il sindaco Sagliocco aveva già spedito in Procura molte carte di questo intreccio impressionante di atti amministrativi realizzati, revocati, emendati.

    Un po’ di sorpresa ha determinato la delega dei Pm nella parte in cui ha previsto di acquisire non solo le famose delibere di Consiglio comunale, la convenzione, tutti gli atti relativi ai parcheggi pubblici, prima previsti e poi aboliti sotto al palazzo del Suap, direttore dei lavori, Massimo Pizzi, poi divenuto assessore comunale, dimessosi proprio a luglio, ma anche la determina, voluta fortissimamente da Sagliocco e firmata dal dirigente Alessandro Diana, che contiene il nuovo accordo tra il Comune di Aversa e l’azienda teverolese Pa.Ca., che ha rilevato il Ctp, quale titolare della proprietà dell’immobile della discordia di piazza Crispi. Un accordo fortemente contestato dai dissidenti Dello Vicario, Della Valle e Galluccio, che ai tempi di Ciaramella parteciparono significativamente agli atti amministrativi di cui abbiamo parlato prima e che Sagliocco ha spedito in Procura.

    Un accordo che prevede la costruzione di una piazzetta al lato del palazzo privato, su cui i magistrati vogliono pure vedere chiaro.

    G.G.

     

     

    CLICCA QUI PER LEGGERE

    PUBBLICATO IL: 7 febbraio 2014 ALLE ORE 13:23