Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ORE 15:44 S.MARIA C.V. – Ecco il testo integrale del T.A.R. che revoca le nomine in giunta di Munno Troianiello e Rinaldi. Incognite sulla percentuale delle quote rosa


    Accolto il ricorso di Stefania Viscardo e ispirato dal Pdl. Pieno riscontro alle tesi dell’avvocato Renato Labriola. La soddisfazione di Giovanni Campochiaro. E c’è chi ritiene che la nomina di una sola donna non sia sufficiente. Agg. ore 15:44: difetto di istruttoria e di motivazione. Chi mastica di diritto amministrativo sa bene che questi vizi […]

    Nella foto Munno, Troianiello e Rinaldi

    Accolto il ricorso di Stefania Viscardo e ispirato dal Pdl. Pieno riscontro alle tesi dell’avvocato Renato Labriola. La soddisfazione di Giovanni Campochiaro. E c’è chi ritiene che la nomina di una sola donna non sia sufficiente.

    Agg. ore 15:44: difetto di istruttoria e di motivazione. Chi mastica di diritto amministrativo sa bene che questi vizi rappresentano i capisaldi di molte decisioni del T.A.R. che annullano atti amministrativi. Senza entrate nel merito del contenuto specifico della sentenza che pubblichiamo, nella sua versione integrale, qui in calce, si coglie, nella decisione del T.A.R. della Campania che annulla il decreto con cui il sindaco Di Muro aveva nominato in giunta Troianiello, Rinaldi e Munno, una netta censura rispetto all’ormai pacifico principio, divenuto prassi, di garantire una rappresentanza del sesso femminile all’interno dell’organo di governo. Non c’è, nella sentenza alcun riferimento spesìcifico alla quota di rappresentanza. In poche parole questo può diventare un’ulteriore insidia al cospetto di una eventuale decisione di inserire un solo nome femminile nella giunta, magari al posto del dimissionario, o meglio sarebbe dire, del dimissionato Busico, reiterando in un nuovo decreto la nomina di Munno, Rinaldi e Troianiello.

    Su questo argomento cercheremo di fare qualche altro ulteriore approfondimento tra le nuove normative approvate al tempo del governo Monti.

    Per il momento ci limitiamo a registrare la soddisfazione del Pdl sammaritano, che ha ispirato il ricorso, materialmente presentato da Stefania Viscardo e patrocinato, con esiti evidentemente positivi, dal noto avvocato amministrativista casertano, Renato Labriola.

    E’ soprattutto il capo gruppo in consiglio comunale dello stesso Pdl, Giovanni Campochiaro ha esprimere sensi di soddisfazione per quella che ritiene “una battaglia sacrosanta” che soprattutto lui ha portato avanti in questi mesi.

    G.G.

    CLICCA QUI PER LEGGERE IL TESTO INTEGRALE DELLA SENTENZA

    S.MARIA C.V –  Verdetto atteso anche per certi versi prevedibile ma fa sempre una certa impressione scrivere che il Tar della Campania, accogliendo il ricorso presentato subito dopo la nomina dei tre nuovi assessori, Troianiello, Rinaldi e Munno, ha in pratica revocato quei decreti affermando il principio delle quote rosa. In poche parole, il sindaco Di Muro dovrà rinominare i tre assessori inserendo, però, tra questi, una donna, a meno che la medesima non vada a sostituire il già dimissionario Busico.

    Tra poco il dispositivo della decisione del Tar della Campania.

    PUBBLICATO IL: 12 settembre 2013 ALLE ORE 16:10