Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Ad

    ORE 16.05 L’UCCISIONE DELL’APPUNTATO/ Ecco il racconto attimo per attimo della terribile sparatoria. TUTTI ARRESTATI i banditi


        Un enorme dispiegamento di forze sta battendo la provincia di Caserta e le provincie contigue palmo per palmo hanno permesso di catturare i due rapinatori che ieri, sabato, si erano dati alla fuga. I 4 della banda sono tutti  originari del napoletano. Gli investigatori  la presenza di altri malviventi complici oltre ai 4 […]




    Nelle foto principale il luogo dell’uccisione, nelle foto in alto a sinistra e a destra Tiziano Della Ratta in abiti civili e in divisa

     

     

    Un enorme dispiegamento di forze sta battendo la provincia di Caserta e le provincie contigue palmo per palmo hanno permesso di catturare i due rapinatori che ieri, sabato, si erano dati alla fuga. I 4 della banda sono tutti  originari del napoletano. Gli investigatori  la presenza di altri malviventi complici oltre ai 4 fermati.

     

    AGG. 16.05 – I Carabinieri del comando provinciale di Caserta e della compagnia di Maddaloni hanno anche identificato altri partecipanti alla rapina di ieri che fungevano in appoggio ai quattro arrestati. Da fonti investigative si apprende che non e’ escluso che tra questi vi sia un altro dei banditi che ieri pomeriggio ha sparato contro i carabinieri. Anche per questi malviventi, ricercati gia’ da ieri l’arresto potrebbe essere molto vicino

    AGG. 15.18 - I due malviventi arrestati si chiamano  Rosario Nuzzo Esposito del 1993 e Giuseppe De Rosa del 1991. CLICCA QUI PER LEGGERE  Comunicato stampa Procura SMCV rapina in gioielleria

    AGG. 14.54 -  I Carabinieri hanno fermato i due rapinatori che hanno partecipato ieri, sabato, a Maddaloni , alla sparatoria nella quale e’ stato ucciso l’appuntato Tiziano Della Ratta. Lo si apprende da fonti della Procura di Santa Maria Capua Vetere

    AGG. 14.50 –   I malviventi feriti e ricoverati in rianimazione sono Angelo Covato classe 1994 e  Vincenza Gaglione classe 1984 entrambi di Napoli. Verra’ eseguita probabilmente domani l’autopsia sul corpo dell’appuntato Tiziano Della Ratta presso l’istituto di medicina legale dell’ospedale civile di Caserta. Non e’ stata ancora fissata la data dei funerali del coraggioso appuntato ma e’ presumibile che si terranno tra martedì  e mercoledì. Il sottufficiale e’ morto pochi minuti dopo essere stato ferito nella furiosa sparatoria avvenuta prima all’interno e poi all’esterno della gioielleria. Anche un cliente della gioielleria e’ stato ferito di striscio da due proiettili.

    AGG. 12.47  -Sono pregiudicati provenienti dal Napoletano e specializzati in rapine i due banditi che, dopo la sparatoria di ieri a Maddaloni  sono fuggiti e sono ora attivamente ricercati dalle forze dell’ordine. I Carabinieri – secondo fonti investigative – li avrebbero gia’ identificati e sarebbero vicini anche ad accertare l’identita’ degli altri due rapinatori, feriti nel conflitto a fuoco e piantonati nell’ospedale di Caserta, che erano privi di qualunque documento. Entrambi non hanno fatto alcuna dichiarazione agli investigatori. A

    ll’identita’ dei quattro rapinatori – si e’ saputo – i Carabinieri sarebbero giunti dopo una notte di controlli, verifiche e un vasto lavoro di intelligence. I risultati di questa prima fase delle indagini sono stati analizzati in un incontro che gli investigatori hanno avuto stamani con il pm della Procura di Caserta Carlo Fucci, che coordina le indagini

     

    AGG. 11.13 - Le condizioni di salute dell’altro carabiniere ferito, il maresciallo Domenico Trombetta di Marcianise, sono migliorate e ora sono stabili. Nel frattempo, il pm della procura di Santa Maria Capua Vetere, Carlo Fucci, ha autorizzato l’esame esterno, previsto per domani, sul corpo del giovane carabiniere ucciso (ora custodito nel reparto di Medicina Legale dell’ospedale di Caserta), colpito in piu’ parti vitali dai proiettili della pistola di uno dei rapinatori. La data dei funerali non e’ stata ancora fissata, ma i cittadini di Sant’Agata dei Goti, paese di residenza del carabiniere Della Ratta, sono sprofondati in una sensazione di incredulita’ e di rabbia per la morte di una ragazzo “giovane e pieno di vita”, lo definiscono gli amici

    AGG. 11.10 - Le ricerche sono concentrate nelle province di Caserta e Napoli, quest’ultima citta’ di provenienza dei due rapinatori (un uomo e una donna) feriti nel conflitto a fuoco con i carabinieri e ora piantonati nell’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta. Ricerche sono concentrate anche nel Basso Lazio. La donna, colpita in due parti del corpo, e’ in buone condizioni di salute, mentre il complice si sta riprendendo da un’operazione chirurgica all’addome durata circa due ore. L’auto con cui gli altri banditi sono riusciti a fuggire, ieri, e’ una Fiat Uno bianca, ma e’ possibile che la vettura sia stata abbandonata e sia stata utilizzata una seconda macchina

    MADDALONI – Sono proseguite per tutta la notte le ricerche dei due rapinatori che ieri pomeriggio a Maddaloni (Caserta) hanno partecipato alla rapina nella quale, in un conflitto a fuoco, e’ rimasto ucciso l’appuntato dei carabinieri Tiziano Della Ratta, di 35 anni, ed e’ rimasto ferito il maresciallo dell’Arma Domenico Trombetta, di 38. Le ricerche sono state concentrate nella provincia di Caserta, dove e’ avvenuta la rapina, nella gioielleria Ogm, alla periferia di Maddaloni, e nella provincia di Napoli, zona di origine dei quattro rapinatori. Sono stati passati al setaccio ospedali e pronto soccorso nell’ipotesi che uno o entrambi i fuggiaschi siano feriti.

    Numerose pattuglie hanno effettuato posti di blocco sulla principali strade delle due province mentre diverse perquisizioni sono state fatte nelle abitazioni di pregiudicati, sia nel casertano sia nel napoletano. L’obiettivo e’ fare terra bruciata intorno ai rapinatori per catturare i quali, in mattinata, dovrebbero alzarsi in volo anche uno o due elicotteri. La rapina e’ stata compiuta da quattro persone armate, giunte sul posto a bordo di una ”Fiat Uno” di colore bianco, con la quale due rapinatori sono fuggiti dopo la sparatoria. Gli altri due (un uomo e una donna) sono stati feriti nel conflitto a fuoco con i carabinieri e sono ora piantonati nell’ospedale di Caserta. Interrogati dagli investigatori ieri sera tardi e nel corso della notte non hanno voluto riferire neanche i loro nomi. Nello stesso ospedale e’ ricoverato il maresciallo Trombetta, le cui condizioni non destano alcuna preoccupazione.




    PUBBLICATO IL: 28 aprile 2013 ALLE ORE 10:57