Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Omicidio Katia Tondi, la Procura nomina un super consulente: è il generale dei Carabinieri a riposo Luciano Garofano, che collabora con la trasmissione televisiva “Quarto Grado”


    La difesa, rappresentata dagli avvocati Mastellone e Crisileo, ha già fatto sottoporre Emilio Lavoretano all’esame del Dna presso un laboratorio privato: esito positivo, il bambino è figlio di Emilio SAN TAMMARO – Da più parti si è diffusa la notizia, che al momento non è stata oggetto di smentita alcuna, che la Procura della Repubblica […]

    Nella foto, il generale dei Carabinieri a riposo Luciano Garofano

    La difesa, rappresentata dagli avvocati Mastellone e Crisileo, ha già fatto sottoporre Emilio Lavoretano all’esame del Dna presso un laboratorio privato: esito positivo, il bambino è figlio di Emilio

    SAN TAMMARO – Da più parti si è diffusa la notizia, che al momento non è stata oggetto di smentita alcuna, che la Procura della Repubblica  presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, nella persona del sostituto procuratore Domenico Musto, ha nominato, come proprio super consulente, il generale dei carabinieri a riposo Luciano Garofano, che collabora con la trasmissione televisiva “Quarto Grado”, per dirigere le indagini e dare una svolta all’omicidio di Katia Tondi, avvenuto a San Tammaro il 20 luglio scorso, per il quale Emilio Lavoretano, marito di Katia, è stato iscritto nel registro degli indagati da circa un mese e mezzo quale unico indiziato di omicidio nei confronti di sua moglie.

    Intanto Emilio Lavoretano, attraverso i suoi legali, gli avvocati Natalina Mastellone e Raffaele Gaetano Crisileo, ha confermato, quale proprio consulente di parte, per la parte criminalistica e criminologica,  il professor Carmelo Lavorino.

    Si prevede uno scontro durissimo tra accusa e difesa (sono noti i tanti scontri avvenuti in moltissimi processi dove i due super consulenti, per parti contrapposte, si sono confrontati, uno per tutti l’omicidio di Cogne); gli avvocati Mastellone e Crisileo hanno acconsentito che Emilio Lavoretano si sottoponesse, insieme al suo figlioletto, all’esame del Dna, come disposto dalla Procura sammaritana; cosa che avverrà a  giorni.

    Intanto lo stesso esame del Dna che ha chiesto l’Ufficio di Procura è stato già eseguito presso un laboratorio privato e qualificato di Roma su disposizione della difesa, e  il bambino è risultato essere il figlio di Emilio Lavoretano e di Katia Tondi, cosa, questa,  che ha Emilio Lavoretano ha sempre sostenuto, sin dalla prime battute di questa penosa vicenda dai risvolti ancora misteriosi e nebulosi.

    Non si conoscono, intanto, gli esiti degli ultimi accertamenti e degli ultimi rilievi, fatti, con mezzi oltremodo sofisticati, dalla Polizia Scientifica di Napoli, sotto la preziosa guida della dirigente Fabiola Mancone, esperta in questo settore, né si conoscono gli ultimi accertamenti fatti sulla scena del crimine dopo il sequestro dell’abitazione dove venne ritrovato il corpo esanime della povera Katia.

    Sulla nomina del generale Garofano quale consulente della Procura  l’avvocato Crisileo ha dichiarato : “Per la verità sono un po’ sorpreso, ma anche contento di una scelta del genere, se la cosa corrisponde ovviamente al vero; ho piena fiducia, davvero piena, nel generale Garofano, uomo di grosso spessore professionale e morale, che ho avuto modo di conoscere in diverse occasioni professionali e quando ho partecipato a numerosi convegni promossi dall’Accademia da lui fondata. Tuttavia, al momento, non sappiamo né immaginiamo che tipo di incarico gli verrà affidato perché noi difensori non abbiamo avuto ancora alcun avviso o rituale comunicazione, avviso che ci spetta, codicisticamente parlando.  Sono convinto, però, che il  generale Garofano, essendo un collaboratore qualificato e di primo piano del programma televisivo Quarto Grado e venendo a conoscenza degli atti processuali, nella nuova veste di consulente,  che andrà ad assumere (o che ha già assunto), sicuramente si asterrà dal partecipare a quella trasmissione televisiva quando (e se) in quella trasmissione si parlerà dell’omicidio di Katia Tondi; cosa, questa,  che, negli ultimi tempi, è diventata frequentissima.  Ciò per ovvie ragioni e per evitare  situazioni poco simpatiche sotto ogni punto di vista“.

    PUBBLICATO IL: 21 ottobre 2013 ALLE ORE 16:28