Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Natale a MONDRAGONE per il “rapinatore seriale” delle prostitute. La decisione assunta dal Riesame


      Il 28enne arrestato lo scorso 20 novembre, difeso dall’avvocato Giovanni Zannini, è tornato a casa, ai domiciliari, per un vizio di forma nella trasmissione degli atti al tribunale MONDRAGONE - Era stato nuovamente arrestato dai carabinieri della stazione di Cancello ed Arnone il 20 novembre scorso, con l’accusa di aver commesso il 2 agosto […]

    Nella foto, Antonio Guardascione

     

    Il 28enne arrestato lo scorso 20 novembre, difeso dall’avvocato Giovanni Zannini, è tornato a casa, ai domiciliari, per un vizio di forma nella trasmissione degli atti al tribunale

    MONDRAGONE - Era stato nuovamente arrestato dai carabinieri della stazione di Cancello ed Arnone il 20 novembre scorso, con l’accusa di aver commesso il 2 agosto 2012, una rapina ai danni di una prostituta albanese tra Castel Volturno e il comune di Basso Volturno. Stiamo parlando del rapinatore seriale delle lucciole di Mondragone, Antonio Guardascione, il quale, sabato mattina, 22 dicembre, è stato scarcerato mediante un provvedimento assunto dal tribunale del Riesame di Napoli.

    Il 28enne difeso dall’avvocato, Giovanni Zannini, è tornato a casa per le festività di Natale, in quanto per un vizio di forma (l’omessa trasmissione degli atti al tribunale del Riesame nei termini di legge ndr.) lo stesso tribunale delle Libertà, su istanza della difesa, ha disposto la conseguente declamatoria di inefficienza di ordine cautelare e ripristino, quindi della misura degli arresti domiciliari, già disposta per lo stesso tipo di reato, commesso da Guardascione, in analoghi e pregressi episodi criminali subiti da altre prostitute.

    M.I.

    PUBBLICATO IL: 24 dicembre 2012 ALLE ORE 13:26