Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA MONDRAGONE- Tutte le foto- Degrado al cimitero “vecchio”. Dopo le indignazioni di Zoccola per il tentato furto, ora ci indignamo noi davanti allo stato pietoso del camposanto “vecchio”


      Dopo l’atto vandalico recente, siamo andati a fare un giro al cimitero di Mondragone. La parte cosiddetta “vecchia” è nel degrado. L’amminsitrazione intervenga. di Walter De Rosa e Massimiliano Ive MONDRAGONE- Tra le tombe, fili scoperti. Tra le cappelle, mucchi di immondizia e resti di operazioni di muratura. Tra i sentieri dissestati e i […]

    stato della zona transennata all’interno del cimitero

    da sinistra, il cimitero “vecchio” con cancello d’entrata chiuso e malridotto, fosso scoperto, parcheggio esterno pieno di rifiuti

     

    Dopo l’atto vandalico recente, siamo andati a fare un giro al cimitero di Mondragone. La parte cosiddetta “vecchia” è nel degrado. L’amminsitrazione intervenga.

    di

    Walter De Rosa e Massimiliano Ive

    MONDRAGONE- Tra le tombe, fili scoperti. Tra le cappelle, mucchi di immondizia e resti di operazioni di muratura. Tra i sentieri dissestati e i marciapiedi rotti, fossi aperti senza protezioni. L’ingresso principale, alla cui sommità aleggia la scritta “ETERNO RIPOSO”, chiuso da mesi, così come l’atrio a cui fa accedere, così come il “vecchio obitorio” alla sinistra dell’atrio stesso. Un monumento ai caduti abbandonato, dimenticato, senza la cura delle istuzioni, contornato da una catena arrugginita e penzolante. Un’area “presunta pericolante”, recintata da transenne precarie, qualcuna anche stesa a terra dal vento e mai più risollevata dagli addetti. Nei parcheggi, cumuli di rifiuti. Nell’aria, un insopportabile tanfo di fiori secchi, ora nascosti in qualche corridoio delle cappelle ora lasciati lungo le vie che separano le sepolture.

    condizioni del cancello posteriore situato sul monumento ai Caduti

    Il cimitero cosiddetto “vecchio”  è un “locus mortis“, in tutti i sensi, anche in quello estetico. Se non fosse per la solerzia di alcuni guardiani che, con molti sacrifici, cercano quotidianamente di “abbozzare alla buona” qualche manutenzione per rendere più “accogliente” il posto, il camposanto “vecchio” cittadino sarebbe un tugurio. Uno di loro, durante ilreportage“, ci ha detto che il loro lavoro è intenso, ma per risolvere i problemi logistici del camposanto, quelli più gravi ed urgenti (succitati), è necessario impegno dell’amministrazione Schiappa, impegno che fino a questo momento è stato minimo.

    “”Chi non rispetta i morti è un essere indegno: sulla pagina Facebook inerente all’assessorato del delegato proprio al cimitero Benedetto Zoccola, stamattina,  è stato scritto così. Un’indignazione  per l’atto vandalico del tentato furto di rame proprio in un settore del cimitero, un atto che non possiamo accettare nemmeno noi.

    Vorremmo rivolgere alcune domande all’assessore Zoccola. Sicuramente chi non rispetta i morti è un essere indegno e l’atto vandalico compiuto va certamente condannato. Ma, secondo lei, lasciare che il cimitero “vecchio” di Mondragone sguazzi nel degrado, è un modo per “rispettare i morti“? E poi, secondo lei, se non interviene in fretta per porre rimedi all’attuale stato di abbandono, non rischierebbe di non “rispettare” nemmeno i vivi che vanno a visitare i loro cari?

    Aspettiamo una risposta, sperando nella celerità in quanto a breve ricorre il 2 novembre,giornata dei defunti“.

    stato della catena che recita il monumento ai Caduti del cimitero “vecchio”

    PUBBLICATO IL: 19 ottobre 2013 ALLE ORE 17:57