Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MONDRAGONE / Parla la mamma di Veronica Abbate: “Il finanziere Beatrice non va scarcerato, cambiamo la legge”


      Le dichiarazioni rese al sito giornale Tgcom24     MONDRAGONE – Clementina Ianniello, mamma di Veronica Abbate, la ragazza deceduta a Mondragone il 3 settembre 2006, quando dopo una lite con il fidanzato, il maresciallo della Guardia di Finanza, Mario Beatrice, partì un colpo mortale dalla pistola d’ordinanza del militare, mediante il sito giornale Tgcom24 ha […]

    Nella foto, Clementina Ianniello

     

    Le dichiarazioni rese al sito giornale Tgcom24

     

     

    MONDRAGONE – Clementina Ianniello, mamma di Veronica Abbate, la ragazza deceduta a Mondragone il 3 settembre 2006, quando dopo una lite con il fidanzato, il maresciallo della Guardia di Finanza, Mario Beatrice, partì un colpo mortale dalla pistola d’ordinanza del militare, mediante il sito giornale Tgcom24 ha lanciato un appello alla neo presidente della Camera: “Vorrei che la Boldrini mi ricevesse, cambiamo la legge”.

    Un messaggio disperato: “Mario Beatrice fra tre quattro anni sarà fuori. Dopo sei anni di carcere lui pensa al suo futuro, mentre mia figlia è stata uccisa quando aveva una vita davanti“.

    La donna, ha contestato apertamente attraverso i media, i “benefici” giudiziari concessi a Mario Beatrice attualmente in carcere, perchè prima condannato a 30 anni in primo grado, per poi ottenere una riduzione di pena 18 in Appello. Ma la sentenza è stata annullata con rinvio ad altra sezione della Corte d’Appello di Napoli ed ora si è in attesa del nuovo giudizio. Se la stessa verrà confermata, Mario Beatrice passerà in carcere solo 13 anni. “Le parole della Boldrini mi hanno colpito – ha aggiunto ancora la donna –  mi sembra molto sensibile a questo argomento e ancor di più se è mamma vorrei mi ricevesse. Vediamo gli intoppi della legge, dove sono, cosa si può fare, perché se qui la pena non cambia andremo sempre peggio.” Poi una precisazione:  “Non lo faccio per mia figlia ma per tutte le ragazze che non devono più morire“.

    PUBBLICATO IL: 19 marzo 2013 ALLE ORE 17:04