Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    EROI MONDRAGONESI ! Il Sinuessa vola in finale di Coppa Campania serie D, Ceppaloni sconfitto ai rigori dopo un match dominato dai padroni di casa


      COPPA CAMPANIA SERIE D, il Sineussa Mondragone raggiunge la finale ai rigori contro il Ceppaloni. In finale si giocherà contro il Real San Giuseppe   di Walter De Rosa   MONDRAGONE- I giocatori della Sinuessa , ieri contro il Ceppaloni, hanno sfoggiato il loro vero valore più profondo, il valore che conduce a detestare […]

    momenti dei festeggiamenti per la finale raggiunta

     

    COPPA CAMPANIA SERIE D, il Sineussa Mondragone raggiunge la finale ai rigori contro il Ceppaloni. In finale si giocherà contro il Real San Giuseppe

     

    di

    Walter De Rosa

     

    MONDRAGONE- I giocatori della Sinuessa , ieri contro il Ceppaloni, hanno sfoggiato il loro vero valore più profondo, il valore che conduce a detestare parole disonorevoli come “resa” e “abbandono“. Perdere 10 a 2 nella partita di andata, è stato un colpo durissimo che gli uomini di capitan Crocco non avevano ancora attutito completamente. Bisognava compiere, nel “match” di ritorno”, la cosiddetta partita “della vita” , una di quelle gare che sono destinate a essere iscritte nella storia dello sport. Detto fatto. I Sinuessani non hanno lasciato spazio agli ospiti, li hanno pressati fin dal primo secondo, credendo fermamente nella rimonta che avrebbe avuto il sapore di riscatto dopo la mesta sconfitta in trasferta. Il presidente Crocco e il mister Gravante, costretti a stare fuori dal rettangolo di gioco a causa della squalifica, hanno urlato dall’esterno con tutta la loro voce il sostegno ai loro ragazzi. “Non mollate” è stato l’urlo di incoraggiamento di dirigenza e tifosi, giunti in tantissimi per mostrare vicinanza ai loro paladini. Quando l’arbitro ha fischiato la fine del tempo regolamentare, il “match” era nuovamente sul 10 a 2, questa volta per i mondragonesi. Quella palla tolta all’ultimo minuto dalla porta da De Pucchio, involontariamente, avrebbe regalato ai padroni di casa una gioia interminabile. Ma non importa. La stessa identica gioia è esplosa quando D’Amore, bomber indiscusso quest’anno con numerose realizzazioni, ha concretizzato l’ultimo dei 5 rigori, ultimo tassello per raggiungere la classificazione in finale dopo il pareggio durante i 60 minuti.

     

    ANALISI DELLA GARA: Ad aprire le danze, è il goal del Ceppaloni dopo una fenomenale discesa in velocità offensiva. A pareggiare i conti ci pensa Lavanga per i Sinuessani. Il 2 a 1 è affidato a D’Angelo per la Sinuessa che realizza da calcio piazzato. I padroni di casa iniziano a dilagare ancora con l’asse Lavanga- D’Angelo, a cui regala una splendida rifinitura D’Amore. Il Ceppalo è raramente pericoloso, fino a quando fa tremare i mondragonesi con la seconda realizzazione. A donare la speranza di disputare la finale per la Sinuessa, è Petrillo che mette a segno il 10 a 2 e rimanda tutto ai rigori. I mondragonesi non sbagliano nessun tiro dal dischetto, al contrario del Ceppaloni che fallisce uno dei 5 colpi a disposizione. L’ultimo rigore, è assegnato a D’Amore: esecuzione perfetta, Sinuessa in finale. Il capitano Antonio Crocco del Sinuessa: “I meriti vanno al mister che ha preparato la partita, ai giocatori, alla dirigenza, ai tifosi che hanno sostenuto la squadra. La felicità è tantissima”. Il direttore generale del Ceppaloni Angelo Sabbatino ha commentato: “Abbiamo giocato male, è giusto che l’avversario abbia superato il turno. Avevamo assenze di giocatori importanti, ma questa n on vuole essere una scusa”

    PUBBLICATO IL: 20 febbraio 2014 ALLE ORE 14:15