Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MONDRAGONE – Condannato l’imprenditore D’Alterio, fu trovato con una pistola in auto


      Oggi, mercoledì, la sentenza del gup Marcello De Chiara. L’uomo difeso dall’avvocato Iannettone ha ottenuto una pena più mite rispetto alla richiesta di 4 anni e 10 mesi di reclusione formulata dal Pm MONDRAGONE - Stamane, mercoledì innanzi al GUP dott. Marcello de Chiara,  si è celebrato il processo a carico del noto imprenditore […]

    Nelle foto, Angelo D’Alterio

     

    Oggi, mercoledì, la sentenza del gup Marcello De Chiara. L’uomo difeso dall’avvocato Iannettone ha ottenuto una pena più mite rispetto alla richiesta di 4 anni e 10 mesi di reclusione formulata dal Pm

    MONDRAGONE - Stamane, mercoledì innanzi al GUP dott. Marcello de Chiara,  si è celebrato il processo a carico del noto imprenditore mondragonese Angelo D’Alterio che opera nel settore import/export di prodotti ortofrutticoli tra il paese di origine, Mondragone e il nord Europa. L’uomo rispondeva di porto di arma clandestina nonchè delle relative munizioni e del reato di ricettazione.  D’angelo, infatti venne fermato dai militari della benemerita a Mondragone a seguito di un controllo – in data 24 dicembre 2012-  dell’autovettura condotta dallo stesso di un’arma da fuoco perfettamente funzionante con il relativo munizionamento, circostanza per la quale è stato arrestato e condotto presso la casa di reclusione di Santa Maria Capua Vetere, misura che venne, poi sostituita con gli arresti domiciliari e dopo circa sei mesi su richiesta del difensore l’avvocato Luigi Iannettone con l’obbligo di dimora a Mondragone. Nell’udienza di oggi la pubblica accusa rappresentata dal Pubblico Ministero la dott. ssa Correggia nonostante l’ammissione degli addebiti e la dimostrazione di resipiscenza dell’imputato, ha chiesto la condanna ad anni quattro e mesi dieci di reclusione. Il giudice investito della decisione, invece ritenuto il comportamento dell’imputato , come evidenziato dal difensore, meritevole di un trattamento sanzionatorio più mite, condannando Angelo D’Alterio a anni tre di reclusione, riservandosi sulla revoca definitiva della misura attualmente ancora in atto.

    PUBBLICATO IL: 3 luglio 2013 ALLE ORE 19:49