Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MONDRAGONE – AFFRANCO DEI TERRENI. Corvino vs Piazza. L’assessore striglia il consigliere: l’impresa Voccia scelta anche dai commissari di CASTEL VOLTURNO


      Per l’uomo di Schiappa, il consigliere forzista quando era in amministrazione con Conte non riuscì ad affrontare di petto la vicenda MONDRAGONE - Continua il botta e risposta sull’affranco dei terreni tra l’assessore Valerio Corvino e il consigliere comunale Giuseppe Piazza.  Questa volta a replicare è l’assessore Corvino che risponde sulle polemiche sorte sulla […]

    Nelle foto, da sinistra, Valerio Corvino e Giuseppe Piazza

     

    Per l’uomo di Schiappa, il consigliere forzista quando era in amministrazione con Conte non riuscì ad affrontare di petto la vicenda

    MONDRAGONE - Continua il botta e risposta sull’affranco dei terreni tra l’assessore Valerio Corvino e il consigliere comunale Giuseppe Piazza. 

    Questa volta a replicare è l’assessore Corvino che risponde sulle polemiche sorte sulla scelta della società che dovrà svolgere per conto del Comune di Mondragone  il servizio di istruttoria delle pratiche per l’affranco.

    L’assessore difende l’opportunità di affidare alla ditta Voccia – Archivia Soluction che svolge la suddetta attività anche nel comune commissariato di Castel Volturno e sostiene che l’azione del consigliere Piazza, ex assessore di Conte, è dannosa per gli agricoltori mondragonesi, in quanto avrebbe potuto impegnarsi un po’ di più sin dai tempi in cui ricopriva la delega di amministratore della città.

    M.I.

     

    QUI SOTTO IL COMUNICATO STAMPA DELL’ASSESSORE CORVINO

    In riferimento all’ennesima replica del Consigliere comunale Peppino Piazza in merito all’affrancazione dei terreni, interviene nuovamente l’assessore Valerio Corvino:

    “Il Consigliere Peppino Piazza cita come esempio il Comune di CastelVolturno, ignorando evidentemente che la ditta incaricata dai Commissari straordinari dell’Ente confinante con noi è proprio la ditta Voccia – Archivia Solution che, dopo una regolare gara, segue il Comune di Mondragone per la dismissione del patrimonio comunale.
    In tal senso non possiamo che essere tranquilli che anche i Commissari antimafia del Comune di CastelVolturno abbiano scelto proprio la stessa società di cui si avvale da anni il nostro Ente.
    Ma il Consigliere Piazza, preso da un sterile vis polemica evidentemente frutto di frustrazioni, dimentica la professionalità di questa società che assiste il nostro Ente, società selezionata proprio durante il periodo della Giunta del Sindaco Conte in cui Piazza ricopriva il ruolo di assessore delegato anche a tali materie.
    Non vorremmo che oggi, per puro spirito di parte, Piazza parli a vanvera di operatori qualificati e professionali che hanno già operato molto bene sul territorio sia per i terreni sdemanializzati che per gli appartamenti di proprietà del Comune.
    In merito alla questione affrancazione, poi, è tutto presto detto.
    Il ruolo di un assessore non è quello di fare il tecnico ma di dare vita a precisi indirizzi politici per risolvere i problemi.
    Il Consigliere comunale Peppino Piazza, dall’alto della sua professionalità di tecnico, non mi sembra che sia mai riuscito a risolvere questo spinoso problema che interessa tanti agricoltori, forse perché troppo impegnato con la delega ai rifiuti ai tempi della difficile gestione del Consorzio Ce4.
    Oggi l’unica preoccupazione del Consigliere Peppino Piazza è semplicemente quella di infliggere ai nostri agricoltori ulteriori spese e maggiori oneri, paventando un danno erariale.
    Le direttive dell’Assessorato regionale all’Agricoltura sono chiare e facilmente applicabili.
    A Mondragone, a differenza di quanto affermato dal Consigliere Piazza, non vengono più riscossi i censi ed i livelli da decenni.
    I casi di affrancazione sono quelli per i quali è stata prevista la maggiorazione dell’80%, in quanto sul nostro territorio non esiste più documentazione di avvenuto pagamento da molti anni.
    Compito della politica è quello di trovare soluzioni legittime e risolvere i problemi in modo concreto, riportando alla legalità situazioni abbandonate a se stesse da decenni.
    Piazza, per mera pubblicità personale, ci attacca quando si parla di tributi con un chiaro ed inequivocabile pretesto: prima dice che l’Amministrazione comunale fa pagare troppo e, dopo, ci accusa che facciamo pagare troppo poco agli agricoltori per l’affrancazione.
    Questa è l’unica e vera dimostrazione che ci troviamo di fronte a sterili polemiche fini a se stesse”.

    PUBBLICATO IL: 30 dicembre 2013 ALLE ORE 12:36